Home Maternità

10 anni, si suicida per far felice la mamma, lascia lettera choc

CONDIVIDI

La lettera straziante di una bambina di 10 anni che si suicida per “rendere felice sua madre”.

Separazione dei genitori, i rischi per i figli

La storia sconvolgente di questa bambina ci illumina sulle conseguenze psicologiche della separazione dei genitori sui bambini e sui pericoli che ne derivano.

La relazione tra genitori gioca un ruolo molto importante nella psicologia del bambino. Quando le cose vanno male a casa, i bambini ne vengono spesso colpiti, anche se riescono a nasconderlo. I genitori a volte tendono a focalizzarsi solo sui loro problemi di relazione e non hanno il tempo di pensare al danno fatto in parallelo. I bambini diventano un danno collaterale a queste relazioni distruttive.

Quando una coppia si separa, è molto importante includere il bambino e spiegare le cause della rottura. In effetti, se il bambino non conosce la causa che ha portato a questa situazione difficile, può facilmente incolpare se stesso e provare un senso di colpa.

Secondo diversi studi pubblicati da The Linacre Quarterly, la rivista ufficiale della Catholic Medical Association, divorzi o separazioni possono portare a conseguenze disastrose sui bambini. Si trovano colpiti in termini di successo accademico, autostima e relazioni sociali.

Oltre ai problemi che una separazione può avere sul comportamento del bambino, può anche influenzare la sua relazione con i suoi genitori. Il bambino manca di stabilità emotiva quando è troppo occupato a gestire i propri problemi. Può sviluppare un dolore psicologico che può portare al suicidio.

Dati allarmanti

Uno studio condotto in Svezia su quasi un milione di bambini, ha dimostrato che coloro che erano cresciuti con genitori single avevano due volte più probabilità di sviluppare gravi disturbi psichiatrici, commettere tentativi di suicidio e di sviluppare una dipendenza da alcol.

Secondo un rapporto dello psichiatra Boris Cyrulnik, i suicidi infantili vengono troppo spesso sottostimati. In un articolo pubblicato sulla rivista Psychologies, spiega che la giovane età dei bambini è un grande fattore di rischio. In effetti, non sono consapevoli delle conseguenze delle loro azioni. Spesso agiscono in modo impulsivo piuttosto che profondamente pensanti, e sfortunatamente pensano che la loro decisione sia reversibile.

Secondo l’Istituto nazionale della sanità e ricerca medica, 37 bambini di età compresa tra i 5 ei 14 si sono suicidati in Francia nel 2009. Un secondo rapporto pubblicato nel febbraio 2018 dall’Osservatorio Nazionale del Suicidio (ONS) lo conferma questa e aggiunge che in Europa la Francia avrebbe avuto uno dei più alti tassi di suicidio seguita dai paesi dell’Est, la Finlandia e Belgio.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Genitori, figli & Psiche  CLICCA QUI

Evelyn Nicole, la bambina che pensava di fare bene

Il suicidio nei bambini è un fenomeno che non ha confini. La storia di Evelyn Nicole lo conferma. Questa bambina, di 10 anni, si è uccisa il giorno dell’Epifania a Aguascalientes, Messico, al fine di rendere la sua mamma “la donna più felice del mondo.” Durante questa festa cristiana i cittadini messicani si scambiano i loro ultimi regali prima di chiudere le festività natalizie. Il 6 gennaio 2019, Nicole decide di offrire quello che pensa sia un dono inestimabile per sua madre: la sua vita. Quindi commette l’irreparabile e i servizi di soccorso la trovano morta impiccata.

Prima di suicidarsi, Nicole scrive una lettera straziante ai Re Magi che sono oggetto della celebrazione dell’epifania. Nella lettera ha spiegato che si sentiva in colpa per il fatto che il papà le aveva abbandonate e che lei non voleva più essere un peso e una fonte di dolore per sua madre che continua a dirle che forse sarebbe stato meglio se lei non fosse mai nata. Ecco la sua lettera straziante:

Carissimi Tre Re,

Voglio solo chiedere a mia madre di essere la donna più felice del mondo quando non sarò qui perché sono un dolore e una fonte di problemi nella sua vita da quando sono nata, così come il motivo per cui mio padre ha lasciato la nostra casa.

Vorrei chiedere a mia madre di stare serena, di non lavorare, il regalo migliore che posso ricevere è la sua felicità.

Spero che un giorno, in paradiso, ti ricorderai di me madre e che mi prenderai tra le tue braccia cara mama. Penso che il regalo migliore sia lasciarti perché, come mi hai sempre detto, sarebbe stato meglio che io non fossi mai nata.

Ti amo così tanto cara mamma…”

Con queste parole tragiche termina la lettera di una bambina pronta a fare qualsiasi cosa per ridare un sorriso a sua madre, persino alla sua vita.

Ora Nicole riposa in pace, speriamo che abbia trovato un posto tra gli angeli.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Bambina di 10 anni uccide un neonato, il papà: “è una criminale”

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI