Home Salute e Benessere

20 domande da porre al medico in caso di una diagnosi di cancro

CONDIVIDI

Ricevere una diagnosi di cancro è tra le peggiori notizie che una persona possa sentire. E’ il male del secolo, ma può essere curato se preso nei giusti tempi e se la diagnosi è precoce. Ecco le domande giuste da fare al medico.

Cancro, le domande importanti da fare al proprio oncologo

Di fronte ad una diagnosi di cancro, tutto dovrebbe essere messo sul piatto, dagli studi statistici alle controindicazioni, nel caso in cui venga prescritto un medicinale, a te o a qualcuno vicino a te, specialmente nel caso della chemioterapia. Il paziente dovrebbe tenere a mente i suoi obiettivi di trattamento e scriverli e ricordare che questa è una delle conversazioni più importanti che può avere perché il suo benessere e la sua vita dipendono da questo. In uno stato di choc è comprensibile che non si riesca a ragionare con lucidità, ma passato il momento critico bisognerebbe pensare alla soluzione piuttosto che al problema e per farlo occorre avere le idee chiare.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Salute & Benessere  CLICCA QUI

Ecco le domande giuste da fare al proprio oncologo:

1. Posso registrare questa conversazione?

Le conversazioni con i medici, in particolare con l’oncologo, sono di fondamentale importanza. Registrare importanti discussioni con il medico sulle opzioni di trattamento è un ottimo modo per tenere un registro in modo da:

a) Poter riascoltare il tutto

b) Non dover prendere appunti

c) Concentrarsi sulle domande

2. Perché ho bisogno di chemioterapia?

3. Perché non consideriamo l’immunoterapia invece della chemioterapia?

4. Avete esperienza in immunoterapia?

Se l’oncologo si oppone all’immunoterapia, chiedi perché l’immunoterapia sia attualmente il trattamento più scelto negli Stati Uniti.

5. Qual è lo scopo della chemioterapia?

6. È curativa o palliativa?

Il ruolo del trattamento palliativo non è quello di curare o prolungare la vita senza danneggiare il paziente. Sono destinati ad alleviare il dolore, i sintomi, lo stress mentale e lo stress fisico di una malattia terminale.

7. Ci sono altre opzioni di trattamento per me e la chemioterapia è davvero l’opzione migliore?

8. Quali sono i rischi, i benefici e le possibili complicanze del trattamento chemioterapico?

9. Con quale frequenza i pazienti hanno problemi?

10. vete condiviso il mio caso con un altro medico per un secondo parere?

Per assicurarsi che la diagnosi sia corretta, si raccomanda di avere una seconda opinione o di consultare un altro oncologo. Ci sono molti casi di pazienti che ai quali vengono effettuati trattati per il cancro quando non hanno mai avuto il cancro.

11. Quanti pazienti avete trattato con lo stesso tipo di cancro?

a) Quali trattamenti avete usato?

b) Alcuni pazienti sono ancora vivi?

c) Quanti sono sopravvissuti più di 5 anni? 10 anni? 20 anni?

d) Posso parlare con alcuni sopravvissuti in modo da sapere qual è la loro qualità di vita durante e dopo il trattamento?

12. Qual è il programma di trattamento specifico per me?

Scopri quante volte il medico ha utilizzato questo programma di trattamento prima e quali sono stati i risultati.

13. Quali prove dimostrano il successo del programma di trattamento scelto per me?

È molto importante saperlo. Tutto dipende dal numero di pazienti che sono sopravvissuti al trattamento e sono stati in grado di riprendere una vita normale.

14. Da dove vengono le statistiche sulla sopravvivenza? Questo è riportato nella letteratura medica pubblicata con un comitato di lettura? Posso avere una copia o degli articoli?

Le informazioni sulla sopravvivenza del paziente possono essere fornite da una rivista medica mensile che il medico dovrebbe conoscere. Qualsiasi prognosi annunciata dal proprio oncologo deve essere supportata da dati pubblicati o studi che possono essere condivisi con voi.

15. Quali cambiamenti nello stile di vita e nella dieta possono migliorare i risultati della chemioterapia e proteggere il mio corpo durante i trattamenti?

16. Quali fattori di rischio dello stile di vita hanno contribuito al mio cancro?

A seconda del tipo di cancro e delle sue condizioni, il medico può determinare le potenziali cause del cancro e i fattori di rischio e di aggravamento.

17. Qualcuno dei vostri pazienti ha avuto effetti collaterali dopo il trattamento?

Devi fare tutte le possibili domande su quanto sia tossico il trattamento, perché alcuni pazienti non muoiono di cancro, ma a causa del trattamento stesso.

18. Come posso aiutarmi con gli effetti collaterali di questo trattamento?

19. Hai pazienti le cui condizioni sono peggiorate? Perché?

20. Questi farmaci approvati sono specifici per il trattamento del mio tipo di cancro?

Ti potrebbe interessare anche—->>>La triste verità emersa da questa recente ricerca sul cancro

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI