Barbara D’Urso, successo per la nuova “Dottoressa Giò”

Barbara D'Urso
Barbara D’Urso (Fonte: Getty Images)

Si è conclusa la terza stagione della serie televisiva Dottoressa Giò con protagonista Barbara D’Urso nei panni di Giorgia Basile. Ottimo successo per lei

Si è conclusa martedì 29 Gennaio la terza stagione della serie televisiva Dottoressa Giò, fiction italiana con protagonista Barbara D’Urso nei panni di Giorgia Basile. La famosissima conduttrice è tornata a vestire i panni della dottoressa dopo vent’anni.

La prima stagione della serie era stata anticipata in televisione dal film “La dottoressa Giò – Una mano da stringere”, andato in onda il 23 Novembre 1995 su Canale 5. Dato il successo ottenuto il film è stato trasformato in serie televisiva, con le prime due stagioni in onda nel 1997 e 1998 su Retequattro. Nell’estate 2018 Barbara D’Urso ha partecipato alle riprese della terza stagione, e la fiction è tornata su Canale 5 dal 13 al 29 Gennaio 2019. Il revival della serie ha intrattenuto gli spettatori italiani durante quattro serate, trasmettendo un totale di otto episodi (due per serata) della durata di 45 minuti ciascuno.

Leggi anche –> Barbara D’Urso torna la Dottoressa Giò: accanto a lei Patrick Dempsey

Barbara D’Urso e Dottoressa Giò contro la violenza sulle donne

La Dottoressa Giò è protagonista di una storia di genere medico ma anche investigativo. Gli episodi affrontano tematiche attuali, in particolar modo quella della violenza contro le donne. L’argomento è affrontato quotidianamente da Barbara D’Urso anche durante il suo programma Pomeriggio 5, in cui la conduttrice commenta spesso con i suoi ospiti episodi di cronaca riguardanti storie di abusi su minori e tutela dei diritti delle coppie omossessuali.

Con l’ultima puntata della serie la Dottoressa ha conquistato 2.883.000 telespettatori. Il direttore di canale 5 Giancarlo Scheri commenta il successo: “Complimenti a Barbara che con questo prodotto si conferma un’artista poliedrica, oltre che una delle voci che maggiormente riescono a sensibilizzare i telespettatori su argomenti come la violenza sulle donne e l’omofobia”. A chi chiede a proposito di una quarta stagione Scheri risponde “Stiamo già scrivendo una seconda serie di questa nuova stagione, poi tutto dipenderà dal giudizio del pubblico”.