Home Dieta e Alimentazione

Prevenire il tumore è possibile: Ecco la dieta da seguire

CONDIVIDI

Combattere il cancro con un’alimentazione sana e controllata è possibile. Secondo lo studio dell’oncologa Maria Rosa Di Fazio, autrice del libro ‘Mangiare bene per sconfiggere il male’, i cibi giusti non solo possono contrastare i tumori, ma pure ridurre gli effetti collaterali delle terapie.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Le forme tumorali, ma anche molte malattie infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide, sono legate a un consumo quotidiano di alimenti sbagliati, per questo è importante privilegiare quelli benefici“, la raccomandazione della dottoressa.

Ecco la dieta per prevenire il tumore

Getty Images

Latte e yogurt limitati – Se vi è stato diagnosticato un cancro al seno, alla tiroide, all’utero, all’ovaio o alla prostata, meglio tenere lontano in latte in quanto essendo di ricco di ormoni e lattosio stimola la proliferazione delle cellule. Ancora peggiore è l’effetto dello yogurt per via della sua acidità.

Carne poca ma di qualità – Da evitare per chi soffre di cancro al colon, al retto o allo stomaco. Negli altri casi è ok ogni 8-10 giorni purché non grigliata. Da preferire  carni bianche come il tacchino e soprattutto biologiche con poche manipolazioni ormonali. Chi è sotto chemio può mangiarne una fetta 1 o 2 volte la settimana con una spruzzata di limone.

Solo i carboidrati giusti – In caso di malattie oncologiche, o nello specifico di  linfoma, leucemia o altro tumore del sangue, il glutine va bandito perché addormenta il sistema immunitario e rende l’organismo indifeso di fronte a virus, batteri e tumori. Da dimenticare, quindi pasta, pizza e prodotti da forno. All’opposto, via libera a riso integrale e farine a basso contenuto o senza glutine, ad esempio quelle di quinoa, miglio, sorgo, amaranto e grano saraceno.

Attenzione a frutte e dolci – Lo zucchero va ridotto il più possibile o eliminato in quanto le cellule tumorali consumano una quantità di glucosio di 20 volte superiore alla norma. Da limitare pure la frutta che, contenendo fruttosio e acidificando, provoca processi infiammatori.  Consigliabile mangiarla una sola volta al giorno, al mattino, perché dopo le 12 il metabolismo rallenta e gli zuccheri si depositano nel fegato. No alle macedonie che fanno andare in tilt lo stomaco.

Cosa è bene mangiare per combattere il tumore

Getty Images

I carboidrati a basso contenuto o privi di glutine e tutti i tipi di legumiPesce, preferibilmente azzurro, anche 5 volta alla settimana; 5 porzioni al giorno di verdure, soprattutto crucifere, quindi cavolfiori, rape e broccoli. Con cautela patate, peperoni, pomodori crudi e melanzane.

Le uova – Ottima fonte di proteine e capaci di tenere basso il colesterolo. Inoltre l’albumina contribuisce ad assorbire gli edemi. Meglio alla coque anche 5 alla settimana.

Il limone – Ha potere purificante.Spremerne mezzo in un bicchiere d’acqua non fredda da bere appena svegli.

La curcuma – Un cucchiaino al giorno è la dose ideale da aggiungere nell’acqua di cottura di pasta o riso, nelle frittate e nelle zuppe

Cosa mangiare per evitare i malesseri post chemioterapia:

A colazione –  Una mela o una pera cotta per combattere la stitichezza. Preferire il tè al caffè o ancora meglio una tisana non zuccherata.

Sempre – Per fermare la nausea consumare lo zenzero crudo a fettine. Va bene anche  disidratato senza zuccheri aggiunti.

Merenda – Le olive o le acciughe per la forte presenza di sale tolgono il senso di vomito.

A pranzo e a cena – Ottima soluzione sono le insalate, il tacchino, la bresaola e la verdura bollita.

Assolutamente no – Ai brodi, al latte e derivati, ai pomodori e alla frutta.

Ti potrebbe interessare anche—->>>La dieta del digiuno per tornare in forma

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI