“Con molta energia e ottimismo.” Julen è vicino, l’ora della verità

“Con molta energia e ottimismo.” La squadra di soccorso minerario ha iniziato ieri l’ultima fase del lavoro di salvataggio di Julen, il bambino di due anni caduto in un pozzo oltre i 100 metri di profondità il 13.

Dotato di martelli pneumatici, pale e asce, otto i minatori devono farsi strada attraverso le viscere del Cerro de la Corona, a Totalán (Malaga) per accedere al punto in cui si ritiene che il piccolo sia intrappolato: sotto la spina di terra trovata a 71 metri di profondità. Riluttante a dare le scadenze dopo i continui arretramenti, il dispositivo è limitato a indicare che potrebbero essere necessarie fino a 24 ore per scavare la galleria orizzontale di quattro metri. “Devi essere paziente”, è lo slogan tra le truppe e i volontari schierati sulle montagne, dove la speranza è alimentata dal fatto che non hanno mai lasciato un minatore alle spalle. “E Julen è già uno di loro”, spiega un membro del dispositivo.

Dopo aver verificato con il georadar che la finestra del tubo di ferro era orientata verso il pozzo dove si trova il bambino, e dimostrare che la capsula si muoveva attraverso il tunnel senza problemi, la prima coppia di minatori scese alle 17,33 ore in una gabbia ascensore di 1,05 metri di diametro e 2,5 di altezza, progettato per due persone. Il panorama che hanno trovato qui sotto non è il più adatto al lavoro: poca ventilazione, poco ossigeno, nessuna luce … Pertanto, si alterneranno ogni 30 e 40 minuti e saranno equipaggiati con strumenti e respiratori pesanti che rigenera l’aria cosa consumano

Mentre avanzano, assicureranno la galleria tra 1 e 1,2 metri di altezza con pali di legno. Avendo una leggera pendenza verso l’alto, il materiale scavato cadrà sul fondo della gabbia e fino al tratto finale del tunnel, dove una sezione libera è stata lasciata per fungere da magazzino.

Il lavoro dei minatori sarà il più delicato dell’intero processo di salvataggio, iniziato 12 giorni fa. Dopo aver verificato l’esistenza di una spina di terra che ostruiva il pozzo dove cadde Julen, gli ingegneri e gli esperti di soccorso arrivati a Totalán cercarono di raggiungerlo attraverso un pozzo orizzontale costruito dalla collina vicina. L’instabilità del terreno li ha fatti scegliere di costruire un tunnel parallelo, per il quale prima era necessario ridurre il livello della montagna di 23 metri. Una volta che la collina è stata smantellata, e con le perforatrici anche da un sito M-40, è stato aperto un nuovo tunnel di 1,5 metri di diametro e 60 metri di profondità, un compito titanico che è stato ritardato fino a 55 ore a causa del la durezza dei materiali trovati nella strada e le irregolarità nelle pareti, che rendevano difficile il rivestimento con tubi metallici per evitare frane.

Potrebbe interessarti anche >>> Bimbo nel pozzo: tra poche ore importanti novità

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI