Home Dieta e Alimentazione

La dieta anti-influenza: cosa mangiare per non ammalarsi

CONDIVIDI

Il maltempo delle ultime settimane che ha colpito in particolare le zone centrali e meridionali dell’Italia ha di fatto scatenato un’ondata anomala di influenza. Ecco perché bisogna correre ai ripari adottando alcuni accorgimenti utili a partire da ciò che si mangia.

Come noto l’influenza è un virus che si può contrarre tutto l’anno, ma soprattutto nei cambi di stagione e nei periodi più freddi come quello che stiamo vivendo. Solitamente si presenta con febbre, tosse, raffreddore, dolori articolari e muscolari, ma pure dissenteria e vomito.

Per avere una risposta alle curiosità del quotidiano cliccate qui

Dunque per cercare di allontanare il più possibile il sopraggiungere di tutti questi odiosi sintomi che ci tengono incollati al letto, impotenti, per giorni, è importante fare incetta di alimenti sani e nutrienti capaci di migliorare il nostro sistema immunitario e di prevenire gli attacchi.

In cosa consiste la dieta anti-influenza

Getty Images

Secondo i consigli di Coldiretti è necessario aumentare il quantitativo di calorie consumate, a partire dalla colazione con latte, miele o marmellata. A pranzo e a cena  zuppe, verdure, legumi e frutta, ottimi per rafforzare l’apporto di vitamine le difese immunitarie dal rischio dell’insorgenza dell’influenza.

I cibi che non devono mancare a tavolo – Oltre a frutta e verdura, ricche di antiossidanti, bisogna puntare su uova, alimenti con elementi pro-biotici come yogurt e formaggi, in particolare il parmigiano, e l’aglio, che contiene l’allicina, sostanza particolarmente attiva nella prevenzione.

Prediligere inoltre gli ortaggi di stagione soprattutto quelli pieni di vitamina A come zucca, spinaci, cicoria, carote, ravanelli, broccoletti, e cipolle (meglio crude), in quanto possiedono il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti.

Non vanno trascurati piatti a base di legumi, su tutti ceci, fagioli, lenticchie, piselli e fave secche perché contengono ferro e fibre che aiutano l’organismo ad eliminare i sovraccarichi migliorando le funzionalità dell’intestino.

Per quanto concerne la frutta, occorre fare il pieno di vitamina C, quindi benissimo i kiwi, le clementine e le arance, possibilmente italiane, per evitare le probabili riduzioni del contenuto vitaminico conseguente al trasporto.

Infine un breve capitolo sulle proteine. In un soggetto normale l’assunzione deve essere compresa tra 0,8-1,3 grammi per chilo di peso corporeo, per cui gli amanti della carne avranno comunque pane per i loro denti.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Perdi peso velocemente con la dieta dei 2 giorni

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI