Home Test

Solo 1 persona su 20 può vedere il bebé in questa foto. E tu lo vedi?

CONDIVIDI

Test ed illusione ottica: solo uno su venti è riuscito a scovare il bambino nella foto. E tu? Pensi di riuscirci?

Il nostro cervello riceve costantemente impulsi, immagini, colori … ma spesso non ne siamo coscenti. In realtà, questa macchina ultra sviluppata elabora le informazioni del nostro ambiente, a livello inconscio per poi trasferirle, solo dopo aver fatto le proprie interpretazioni, a livello conscio. Fai il test di questa illusione ottica e scopri se il tuo cervello percepisce cose che gli occhi non vedono.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Psiche & Personalità  CLICCA QUI

Test ed illusioni ottiche

Le illusioni ottiche si chiamano tali perchè illudono la vista, facendole percepire la figura non com’è realmente. Esse sono il risultato della discrepanza tra ciò che il cervello percepisce e ciò che trasmette alla nostra coscienza. Esse sono indicative di come la nostra corteccia riesce a modificare le immagini prima di decidere per noi ciò che vale la pena di essere visto o meno.

Il nostro cervello percepisce cose che i nostri occhi non vedono

Questo accade quando il nostro cervello osserva figure ambigue, ovvero immagini che a seconda di dove la persona focalizza l’attenzione, possono apparire in un modo oppure nell’altro. In questi casi, se si osserva attentamente tutto il foglio cambiando focalizzazione si possono vedere più figure.

Uno studio pubblicato nelle riviste SAGE, mostra che il nostro cervello elabora le informazioni della nostra vita quotidiana in modo inconsapevole. Lo studio condotto da Jay Sanguinetti, uno studente di dottorato nel dipartimento di psicologia della University of Arizona, ha sfidato i modelli predeterminati di come il nostro cervello assimila le informazioni visive provenienti dal nostro ambiente.

Insieme a Maria Peterson, professore di psicologia e direttore del programma di Scienze Cognitive presso l’Università di Arizona e John Allen, illustre professore di psicologia, scienze cognitive e neuroscienze, Sanguinetti ha mostrato ai partecipanti una serie di sagome nere, alcune delle quali contenevano oggetti riconoscibili nascosti negli spazi bianchi all’esterno. Ha poi monitorato le onde cerebrali dei suoi partecipanti con un elettroencefalogramma, mentre guardavano gli oggetti.

L’obiettivo della ricerca era scoprire se il cervello scovasse le forme nascoste anche quando il soggetto non era consapevole della loro presenza ed i risultati indicano che la risposta è stata sì. “I partecipanti ai nostri esperimenti non consapevolmente vedevano queste forme”, Ha detto Mary Peterson.

Secondo Peterson, se il cervello non invia alcuna informazione alla nostra coscienza, è perché la cosa richiede molta energia, pertanto decide ciò che percepiamo, fungendo da barriera ai dati visivi. Esso identifica quindi le informazioni che ritiene più rilevanti consapevolmente, come una minaccia o una risorsa e trasmette solo quelle.

Riesci a vedere il bambino nella foto?

L’immagine mostra una coppia che contempla pacificamente la vista di un lago. Tuttavia, l’immagine nasconde la forma di un bambino. Prestando un pò più di attenzione, potresti essere in grado di vederlo concentrandosi su ogni dettaglio della foto. Guardate bene, il bambino è da qualche parte in una posizione che suggeisce quella di un feto nel grembo di sua madre.

Ancora non lo vedete? Provate a guardare con più attenzione e contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la forma del bambino non è poi così piccola. Al contrario, occupa uno spazio piuttosto importante nella foto.

Con tutti questi indizi, dovresti averlo già notato. Tuttavia, se hai bisogno di ulteriore aiuto, tieni presente che il bambino è nella parte superiore dell’immagine. Concentrati sulla forma degli alberi e lo spazio sopra la testa della coppia.

Se ancora non riesci a vedere il bambino, ecco la soluzione.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Illusione ottica, vediamo quel che non è: stupore assicurato-VIDEO

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI