Home Salute e Benessere

Camminare è una medicina naturale, rigenera il cervello, cura lo stress e molto altro

CONDIVIDI

Camminare riduce lo stress, la tristezza, ha il potere di aiutare il cervello a rigenerarsi e molto altro ancora.

La scienza moderna tende a dare sempre più prove all’affermazione di Ippocrate sui benefici del camminare, dimostrando ancora una volta la saggezza e la validità delle raccomandazioni del padre della medicina. Secondo uno studio dell’Università di Cambridge, camminare per soli 20 minuti al giorno riduce il rischio di morte prematura di un terzo.

Se vuoi essere informato su tutte le novità su Salute & Benessere  CLICCA QUI

Camminare fa bene

Fonte: iStock

. Camminare riduce l’infiammazione cronica

Una delle grandi calamità del mondo occidentale moderno è senza dubbio il suo modo di vivere. Quest’ultimo dà certamente origine a un numero incalcolabile di disturbi e malattie, il cui punto comune è che provengono da una congestione generalizzata del corpo e da uno stato di infiammazione cronica.

L’infiammazione cronica è associata anche ad “un ampio spettro di malattie neurodegenerative”.

L’infiammazione è caratterizzata da uno stato di ipossia nelle cellule e in tutto il corpo. Quando il corpo ha troppi rifiuti che non è in grado di eliminare, questi si accumulano e ristagnano negli spazi interstiziali, soffocando le cellule e causando una diffusa infiammazione. Le cellule immerse nei rifiuti non ricevono abbastanza ossigeno e sostanze nutritive. Il loro funzionamento viene ostacolato e degenerano.

. Camminare rigenera il cervello

Camminare è un’attività fisica ed in quanto tale migliora la circolazione del liquido interstiziale (linfa e glifo) e promuove l’evacuazione dei rifiuti che trasporta.

D’altra parte, la pratica dell’attività fisica attiva la circolazione sanguigna e l’ossigenazione. Le cellule sono meglio fornite di sangue e beneficiano dell’ossigeno e dei nutrienti che trasportano.

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Illinois negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto la creazione di nuove connessioni neurali nei  cervelli di alcune persone sedentarie che avevano iniziato per un anno a camminare ad una frequenza di tre sessioni di 40 minuti alla settimana.

Inoltre, uno studio dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada, ha dimostrato che l’esercizio aerobico regolare come il camminare ha portato ad un aumento delle dimensioni dell’ippocampo tra i partecipanti. L’ippocampo è la regione del cervello coinvolta nell’apprendimento, nella memoria e nella rappresentazione spaziale ed è una delle prime aree del cervello colpite da disturbi neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer.

. Camminare riduce i sentimenti di tristezza e depressione

Per Julie Garden-Robinson, specialista dell’alimentazione e della nutrizione presso la North Dakota State University, “Praticare esercizi moderati come camminare può migliorare il nostro umore rafforzando il cuore e riducendo il rischio di avere il diabete, il cancro e molti altri problemi di salute. “

Uno studio della Stanford University rivela anche che camminare per un’ora in uno spazio naturale ha significativamente ridotto l’attività di una certa area associata alla depressione e pensieri negativi ricorrenti nel cervello dei partecipanti.

. Camminare calma lo stress

Uno studio della Duke University negli Stati Uniti ha anche consentito ai ricercatori di concludere che l’esercizio fisico potrebbe alla fine ridurre l’ansia e i suoi sintomi.

Il percorso per migliorare la salute del cervello

intelligenza, 7 sintomiUna buona dieta

Per consentire al cervello di funzionare nel miglior modo possibile, o anche per migliorare le tue capacità cognitive, una dieta che non provoca infiammazione nel tuo corpo è un passo essenziale.

Quindi, i cibi che causano l’infiammazione nel corpo sono:
– Cibi grassi (patatine fritte, margarina, patatine, biscotti, torte e pasticceria industriale …)
– carboidrati raffinati (cereali raffinati, zucchero zuccherato, sciroppo di glucosio-fruttosio …)
– Carni rosse e carne lavorata
– Alcol e tabacco

Per quanto riguarda gli alimenti anti-infiammatori, sono i seguenti:
– Frutta e soprattutto frutti rossi
– Verdure
– Pesce grasso
– noci
– Olio d’oliva extra

Un buon sonno

Per avere un cervello sano, è essenziale dormire a sufficenza, perché è durante il sonno che il cervello si ripulisce: il sistema di circolazione glymphatique, fluido interstiziale del cervello la cui funzione è lo smaltimento dei rifiuti, s ‘attiva quando dormiamo.

Con un buon sonno, quindi, promuoviamo l’evacuazione dei rifiuti e delle tossine presenti nel nostro cervello e permettiamo che funzioni alla massima capacità.

Ti potrebbe interessare anche—->>>Come allenare il cervello a smettere di preoccuparsi

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI