Home Dieta e Alimentazione

10 cibi da tenere assolutamente lontani dal frigorifero

CONDIVIDI

Ci sono alimenti che antiche convinzioni vorrebbero spingerci a tenere in frigorifero ma che invece dovrebbero starne ben lontani. Ecco  10 principali elencati per voi con le relative controindicazioni.

Il caffè conservato in frigorifero mantiene meglio il suo aroma e il pane invece rimane più a lungo fresco (quasi una ovvietà). Sono solo due delle credenze popolari che girano attorno al frigorifero, considerando quest’ultimo quasi come un oggetto miracoloso, un’arma che, se usata sapientemente, riesce a risolvere quasi ogni situazione.
Ma possediamo davvero tutta questa sapienza? A quanto pare no, anzi, il più delle volte ci crogioliamo all’ombra di credenze totalmente errate, nonché potenzialmente dannose.
Oggi CheDonna.it prova a sfatare 10 tra i falsi miti più comunemente associati ai cibi da conservare in frigorifero: ecco dunque gli alimenti che credevate di dover riporre al fresco e che invece dovrebbero stare alla larga dai ripiani refrigerati.

10 alimenti da non mettere mai in frigorifero

frigorifero
Foto da iStock
1 – Pomodori – Il sapore dei pomodori deriva proprio dalla loro costante maturazione, processo che, ahimè, il frigorifero tende a bloccare. Anche la consistenza del prodotto cambia, divenendo fastidiosamente farinosa.
2 – Caffè – Non solo non manterrà il suo aroma ma addirittura assorbirà gli altri odori del frigorifero
3 – Avocado – In questo caso non è un no totale al frigorifero: qualora l’avocado fosse già maturo potrà infatti trovare posto nel frigo ma se invece ha bisogno di tempo per raggiungere il giusto grado di maturazione meglio evitare.
4 – Cipolla –  Muffa in agguato se la cipolla resta in frigorifero. Tutta colpa dell’umidità che, nel migliore dei casi, la renderà più molla e assai meno gradevole.
5 – Aglio – Germogli, muffa e una consistenza gommosa sono le assai poco gradevoli conseguenze di un aglio conservato in frigo. Decisamente meglio evitare!
6 – Pane – Altro che pane fresco: in frigorifero la vostra pagnotta diventerà subito secca. Se vi serve una conservazione più lunga meglio utilizzare il congelatore.
7 – Patate – Il freddo accelera la trasformazione dell’amido in zucchero, alterando il sapore della patata che tenderà al dolciastro.
8 – Olio d’oliva – La componente grassa rischia di solidificarsi, alterando così non solo la consistenza ma anche odore, sapore e profumo.
9 – Miele – Il rischio qui si chiama cristallizzazione, senza contare poi che non vi è alcuna ragione conservativa per voler tenere il miele in frigorifero.
10 – Basilico – Oltre ad appassire più velocemente tenderà anche ad assorbire gli odori del frigorifero, controindicazione assai spiacevole.
Fonte: huffpost

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI