Home Amici

“Non rifarei Amici”: duro affondo a Maria De Filippi

CONDIVIDI

Duro affondo a Maria De Filippi e ad Amici da parte di un ex protagonista del talent show: “non rifarei il programma. Ecco perché”.

“Non rifarei più Amici perché non mi sento a mio agio in quel contesto”. Parola di Boosta, ex professore del talent show di Maria De Filippi che, in un’intervista rilasciata a Vanity Fair, ha spiegato i motivi per i quali, se potesse tornare indietro, non acceterebbe mai di diventare un insegnante di Amici.

Boosta: “ecco perché non rifarei Amici”

boosta amici

“Ad Amici, la musica passa in secondo piano”. A dichiararlo è Davide Dileo, vero nome di Boosta, tastierista dei Subsonica che, dopo essere stato un insegnante di Amici ed essere stato protagonista anche del serale, dichiara che, ad oggi, non direbbe mai sì a Maria De Filippi. “Non rifarei più Amici perché non mi sento a mio agio in quel contesto. Non perché non mi piaccia la tv ma perché mi piace troppo la musica che in quel contenitore passa in secondo piano. E poi quello che non capiscono quei ragazzi è che lo scopo è la musica, non il successo”, ha dichiarato a Vanity Fair.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Preoccupazione per Maria De Filippi : denunciata per bullismo

Tornato attivamente a fare musica insieme ai Subsonica, Boosta aggiunge: “Forse la verità è che sapevo di non poter cambiare il corso di un programma televisivo, ma credo di aver fatto il possibile per dare una mano a questi ragazzi che vogliono fare musica”.

All’epoca della sua partecipazione, però, Davide Dileo era convinto della scelta fatta al punto che, all’epoca dell’addio di Morgan al serale del talent show di Maria De Filippi, disse:

“Mesi fa, dopo una conversazione con Maria, ho accettato il ruolo di ‘professore’ e l’ho fatto pesando le riflessioni. Ho deciso per il sì. Da quel momento l’ho fatto sapendo di mettermi in gioco, semplicemente in un altro contesto, e facendo quello che mi piace e mi è sempre piaciuto. L’ho fatto con serietà e amore perché io faccio musica, questo so fare e vorrei che la musica fosse sempre esigenza, urgenza, e distrazione perché no, insomma… vera colonna sonora di vita. E posso con onestà dire che ho avuto la possibilità di farlo sempre durante questi mesi”.