Home Attualità

Acqua della Ferragni discussa anche in Parlamento

CONDIVIDI
Fonte: Instagram

L’acqua griffata Chiara Ferragni è diventata un caso al punto da essere discussa persino in parlamento.

Nei giorni scorsi si è assistito al “caso” delle bottigliette d’acqua Evian griffate Chiara Ferragni. Delle bottiglie da 75cl che grazie alla “firma” dell’influencer costano circa 8 euro l’una.
Un prezzo che non è piaciuto a chi le ha trovate in giro e che in poche ore è diventato virale, scatenando meme divertenti ma anche critiche pesanti come quella da parte del Codacons che ha dichiarato di voler fare un doppio esposto alla Guardia di Finanza.
Nonostante le repliche di Fedez, marito della Ferragni, ed il suo invito a non comprare l’acqua se non piace, lo scandalo scoppiato improvvisamente intorno alle bottigliette sembra essere lontano dall’avere una fine. Dopo il Codacons, infatti, anche in Parlamento hanno deciso di dire qualcosa, aprendo un’interrogazione in tal senso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Chiara Ferragni e lo scandalo delle bottigliette griffate

Interrogazione in Parlamento per l’acqua Evian firmata dalla Ferragni

Fonte: Instagram

A dare il via all’interrogazione in Parlamento è stato Giampietro Maffoni, senatore di Fratelli d’Italia, che ha sollevato la storia sul caso dell’acqua davanti ai ministri dell’Ambiente e dell’Istruzione.
Maffoni ha così espresso la sua opinione, rendendo noto che il rapporto dell’ONU sull’acqua evidenzia da sempre uno stretto legame tra risorse idriche e povertà nel mondo.
Ha quindi proseguito dicendo di non poter etichettare come illecita la scelta di promuovere una mossa commerciale che porti a spendere 72,50€ per 12 bottiglie di acqua, ma che a suo avviso un’influencer in grado di arrivare a tanti giovani come fa la Ferragni, povrebbe rivedere i suoi investimenti in un’ottica diversa.
La storia sull’acqua Evian griffata Ferragni, è quindi più che mai nel vivo e questo nonostante le suddette bottiglie siano in commercio ormai da diverso tempo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Fedez e l’acqua della Ferragni: ora potete anche non comprarla

È bastata una sola critica via social perché scatenasse un caso che oltre a far discutere sta sicuramente portando non poca pubblicità , oltre alla dimostrazione che i social, al giorno d’oggi possono fare davvero la differenza. E tutto ciò nonostante in commercio, come lo stesso Fedez ha già fatto notare più volte, ci siano acque ben più costose ma mai criticate in tal senso.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI