Home Dieta e Alimentazione

Pessimo umore? Prova la dieta del buon umore

CONDIVIDI
Fonte: Istock

Mangiare cibi ricchi di serotonina aiuta l’umore a tornare positivo, scacciando depressione e irritazione tipiche di questa stagione.

Si sa, l’autunno non è una stagione per tutti. Sebbene ci siano persone amanti del freddo che non vedono l’ora di scorgere le prime foglie che si tingono di rosso, la maggior parte delle persone continua ad accusare il cambio di stagione, affrontandolo con stress crescente e con un’ondata di malumore in grado di raffreddare chiunque si trovi nei dintorni.
Tutto ciò avviene in parte per la fine delle vacanze ed il ritorno alla vita di tutti i giorni, fatta per lo più di impegni e incombenze da sbrigare. A ciò si uniscono però anche le giornate che si fanno sempre più corte, la mancanza del sole che è un noto amico del buon umore ed il freddo che per chi non lo ama è di certo un motivo in più per smettere di sorridere.
La buona notizia è che esistono dei modi per tirarsi su di morale, eliminando anche quella fastidiosa fame nervosa che, come se non bastasse, si unisce spesso ai sintomi sopra elencati.
La soluzione infatti sta proprio nel cibo. Scegliendo gli alimenti giusti è infatti possibile agire sulla serotonina, nota anche come l’ormone del buon umore, facendo tornare il sorriso in chi la introduce e tutto senza particolari sforzi. Tra i cibi ricchi di serotonina, infatti, ce ne sono di amati come, ad esempio il cioccolato. Certo, questo non è un invito a mangiare dolci fino a saziarsi, perché un aumento di peso potrebbe portare a sentirsi peggio piuttosto che al contrario. Scegliendo gli alimenti giusti ed introducendoli in modo equilibrato all’interno della propria dieta sarà però possibile sentirsi sempre meglio, fino a non sentire più il bisogno di cercare appagamento in fritti e dolci. Una soluzione utile su più fronti, quindi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Scoperta la dieta che fa bene al cuore

Ecco quali sono i cibi che aiutano a recuperare rapidamente il buon umore

dieta buon umore
Fonte: Istock
  • Cioccolato. Chi lo ama avrà già visto come può aiutare a tirare su il morale. Ciò avviene per la presenza di magnesio e triptofano. Il primo serve infatti ad allontanare il senso di affaticamento mentre il secondo è un noto precursore della serotonina
  • Le banane. Oltre a dare potassio sono anche ricche di magnesio e cromo, utile nel regolare la serotonina
  • Il miele. Consumarne un cucchiaino ogni giorno aiuta a sentirsi più calme e rilassate
  • L’avena. La presenza di zinco contrasta i cali di energia
  • Soia. Utile per chi segue una dieta vegana o vegetariana, è ricca di triptofano e partecipa alla produzione di serotonina
  • Il cavolo. La presenza di acido folico contenuta nei cavoli aiuta a regolare la presenza di serotonina
  • Salmone e merluzzo. Sono ricchi di Omega 3 e acidi grassi che agiscono direttamente sulla serotonina
  • Le uova. Contengono Omega 3, zinco e triptofano
  • I kiwi. Oltre a far bene per le tante vitamine, contribuisce alla sintesi dei neurotrasmettitori del buonumore
  • I semi di zucca. La presenza di Omega 3 e di sali minerali come zinco e magnesio li rendono utili nel contrastare stanchezza e cattivo umore
  • La frutta secca. Anche noci, mandorle e pistacchi (per citarne alcuni) possono contribuire nel far tornare il buon umore, dando una buona dose di magnesio, utile a combattere la stanchezza psicofisica, donando maggior vigore

A differenza di quanto si pensa, i dolci non sono indicati per mantenere attivo il buon umore. Il loro consumo, infatti, dona un senso di euforia iniziale che con l’intervento dell’insulina tende a passare, facendo avvertire un calo improvviso che riporterebbe al punto di partenza.
Certo, la serotonina può essere assunta anche tramite integratori ma, a meno di non averne una necessità così impellente da spingere il medico curante a prescriverla, l’ideale è aiutarsi in modo naturale e, quindi, con l’alimentazione.
Vediamo, quindi, un’idea di menu giornaliero per mantenere alto l’umore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta sostenibile: perdi peso e fai del bene all’ambiente

Fonte: Istock

Colazione

  • Una tazza di tè verde senza zucchero e uno yogurt greco magro e senza zucchero con mezza banana e qualche goccia di cioccolato fondente
  • Un bicchiere di latte di mandorle senza zucchero e due o tre fette biscottate integrali con un cucchiaino di miele
  • Una tazza di latte parzialmente scremato o di soia senza zucchero e 30 grammi di fiocchi d’avena integrale a cui aggiungere una manciata di frutta secca

Spuntino

  • Una tazza di tè verde senza zucchero e una manciata di frutta secca
  • Una tazza di caffè senza zucchero e un quadratino di cioccolato fondente
  • Una tazza di tè senza zucchero e una fetta di pane integrale tostato con un cucchiaino di miele

Pranzo

  • Insalata con verdure miste, pollo alla piastra, cipolle e semi di zucca, condita con mezzo cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e da accompagnare a 30 grammi di pane integrale
  • 60 grammi di riso Venere con zucca e gamberetti e, a seguire, un piccolo frutto di stagione
  • Vellutata di cavolo e cipolle, condita con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e una porzione piccola di salmone alla piastra con contorno di insalata

Merenda

  • Un kiwi
  • Una banana piccola
  • Una manciata di frutta secca

Cena

  • Una porzione di salmone alla griglia con verdure grigliate e condite con mezzo cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
  • Due uova all’occhio di bue con insalata mista condita con mezzo cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, da accompagnare a 30 grammi di pane alla soia
  • Una porzione di merluzzo su vellutata di zucchine e cipolle condita con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. A seguire una piccola banana

Un’alimentazione di questo tipo aiuta sicuramente a tenere alto l’umore e a contrastare il periodo legato al cambio di stagione.
A ciò andrà unito anche l’esercizio fisico, in grado di mettere in modo la serotonina già dopo 30 minuti di corsa. La scelta dell’attività da svolgere è libera e può spaziare da una camminata veloce a delle sessioni da fare in palestra. Due volte a settimana è consigliato inserire una o due sessione di yoga o, per chi la pratica, un paio di meditazione.
Come sempre è indispensabile idratarsi in modo corretto, bevendo almeno un litro e mezzo di acqua naturale al giorno ed evitando bevande zuccherate.

Chedonna.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI