Home Attualità

Il cancro che si scopre grazie agli esami del sangue

CONDIVIDI

Una grande scoperta che fa felice i  maschietti. Curare il cancro alla prostata senza intervento chirurgico o radioterapia.

E’ la grande scoperta degli scienziati dell’Università di Turk, in Finlandia. Loro, hanno trovato un gene che potrebbe portare alla diagnosi sulla natura benigna o maligna del cancro attraverso un semplice esame del sangue. “Abbiamo scoperto che piccoli cambiamenti genetici al gene ANO7 incrementano il rischio di un paziente di avere un cancro alla prostata aggressivo”, ha detto la professoressa Johanna Schleutker, responsabile della ricerca, secondo quanto riportato da Dagospia.

 

La storia di Emma e Justin e quel dettaglio che indicava il tumore

Emma Justin tumore
Emma e Justin dopo il matrimonio

L’esperienza della malattia ha segnato fortemente Emma, che è rimasta vedova giovanissima e ha iniziato a dedicare molto tempo a varie organizzazioni che combattono il cancro. Il suo obiettivo è quello di dare la sua esperienza a chi sta vivendo un dramma simile al suo, e magari aiutare a prevenire possibili malattie analoghe. Anche perché, dopo tanto tempo, guardando la foto del matrimonio si è ricordata di aver notato alcuni comportamenti strani di Justin, che aveva attribuito all’emozione per l’evento. Inoltre notò che una delle guance del marito era affondata un po’, segno che indicava il sopraggiungere del tumore. Magari se se ne fossero accorti prima Justin si poteva salvare, o magari avere un decorso più lungo e meno doloroso. Che l’esperienza di Emma possa servire per aiutare chi si ritrova purtroppo nella sua stessa situazione.