Home Salute e Benessere

Scopri il lato nascosto dello zucchero … tra supposizione e realtà!

CONDIVIDI

Anche lo zucchero ha un lato oscuro.

Una volta considerato energizzante e fonte di vitalità, lo zucchero è oggi la causa di molte malattie, come diabete di tipo 2, malattie infiammatorie e altri flagelli dei nostri giorni come il cancro. Di quali zuccheri stiamo parlando? Alcuni zuccheri sono meglio di altri? Lo zucchero fa davvero male alla salute? Ecco tutte le risposte.

Zucchero rosso, zucchero bianco, zucchero di canna o brown sugar?

Dovresti sapere che la maggior parte dello zucchero venduto nei supermercati deriva dalla raffinazione dello zucchero ottenuto dalla barbabietola, più comunemente noto come zucchero “bianco” mediante un processo che lo priva delle sue componenti vitaminiche e minerali. Inoltre possiamo facilmente reperire lo zucchero di canna che è naturalmente più scuro, ottenuto dalla canna da zucchero. Viene anch’ esso raffinato, ma conserva tracce di melassa (il “residuo” della raffinazione) che gli dona quel tipico colore dorato.

Esistono anche altre varietà di zucchero ampiamente commercializzate, come  il brown sugar, uno zucchero di colore marrone scuro. Si tratta del comune zucchero bianco addizionato a una dose di melassa fondamentale per la realizzazione di molte ricette americane grazie alle sue spiccate note di vaniglia e caramello. E’ bene sottolineare che si tratta di uno zucchero di bassa qualità.

VIDEO NEWSLETTER

Altra varietà da tenere in considerazione è lo zucchero integrale, dal colore molto scuro e dal gusto molto intenso. Si ottiene facendo evaporare tutta l’acqua dal succo della canna, ma senza alcun processo di raffinazione. Quello che si ottiene è uno zucchero non cristallizzato ricco di potassio, magnesio e altri minerali.

Perché incriminare lo zucchero bianco?

Lo zucchero bianco è il più raffinato degli zuccheri, è composto di saccarosio al 99,7%  senza vitamine e minerali:
Calorie vuote”! Ma il corpo ha bisogno di nutrienti e vitamine per funzionare correttamente. Tuttavia, non è più pericoloso dello zucchero di canna o brown sugar che hanno anch’essi un tasso di saccarosio che varia tra il 95 e il 98%.

Le conseguenze di questi cibi vuoti? L’esaurimento del corpo che spreca energie per sintetizzare gli alimenti di cui non ha bisogno.

Malattie legate agli zuccheri

zuccheroLo zucchero, consumato regolarmente porta a sovrappeso e obesità e affaticamento del pancreas, che non riesce più a sintetizzare gli ormoni responsabili della regolazione dello zucchero nel sangue conseguenza del diabete di tipo 2 (niente a che fare con diabete di tipo 1). Nel tempo, il pancreas stanco non risponde più: lo zucchero è la prima causa di morte del pancreas!

Cirrosi NASH da zucchero!

La NASH è un’infiammazione del fegato correlata all’aumento del grasso corporeo. A differenza della cirrosi alcolica, la NASH è l’ingrossamento del fegato causato dal grasso. Il fegato trasforma lo zucchero in grassi  in modo che possa essere conservato in caso di necessità future. E’ una malattia silenziosa, il periodo di incubazione può durare da 10 a 30 anni, senza manifestare alcun segno sintomatico! Ad oggi, nessun trattamento può curare l’infiammazione, il trapianto rimane il principale rimedio in caso di aggravamento.
Circa un paziente su cinque con NASH ha un rischio a lungo termine di sviluppare un cancro al fegato.

Zucchero e cancro: il grande dibattito

Le cellule tumorali hanno la particolarità di dividersi molto rapidamente. Per dividersi, hanno bisogno di una grande quantità di energia, chiamata ATP. La principale fonte di energia della cellula proviene dagli zuccheri, qualunque essi siano. Questo è il motivo per cui è consigliabile limitare la quantità di zucchero ingerita soprattutto in caso in cui si sia affetti da cancro. Attenzione! lo zucchero raffinato si trova in molti alimenti insospettabili come la farina bianca.

Alternative allo zucchero bianco

zuccheroSia che si tratti di Zuccheri semplici, che di Zuccheri complessi, l’apporto calorico fornito è lo stesso, ma è nell’assorbimento che si rilevano le differenze essenziali. Gli zuccheri semplici, vengono assorbiti rapidamente, con conseguente aumento dell’indice glicemico. Gli zuccheri complessi richiedono tempi d’assorbimento più lunghi e i picchi di insulina si riducono oltre ad essere ricchi di fibre. Pertanto è meglio consumare una porzione di zucchero lento ad ogni pasto in modo ragionevole. Scegli legumi (lenticchie, ceci, piselli spezzati) o cibi amidacei (pasta, pane, cereali, ecc.).

E per soddisfare la voglia di dolce?

Puoi puntare su frutta o frutta secca. Oltre ad essere dolci, soddisfano tutti i tuoi bisogni quotidiani in vitamine e minerali.

Addio torte?

Affatto! Puoi benissimo fare i tuoi dolci utilizzandodei dolcificantialternativi come: la melassa, sana alternativa allo zucchero, niente a che fare con lo zucchero di canna, ottenuto dalla lavorazione della canna da zucchero, ha l’aspetto di un miele molto scuro, il sapore tendente all’amarognolo simile a quello della liquirizia. Questo zucchero è ricco di minerali: magnesio, potassio, calcio e fosforo
In alternativa si può optare anche per lo sciroppo d’acero, naturalmente addolcito con acqua di acero ricca di fibre e nutrienti con un basso indice glicemico (55 contro 95 per uno zucchero classico).
Oppure la salsa di mele (senza zucchero aggiunto) ottima aggiunta nella tua torta per sostituire il burro o lo zucchero. Puoi trovare tutti questi prodotti nei negozi biologici, o nella corsia bio del tuo supermercato, ad un prezzo conveniente.

Ti potrebbe interessare anche—>Lo zucchero fa male anche a chi è in buona salute