Home Attualità

Agenzia delle Entrate: “Attenti alla truffa sul rimborso del canone Rai”

CONDIVIDI

L’Agenzia delle Entrate mette in guardia i cittadini dal rischio truffa: circola infatti una e-mail a nome della stessa, ma è tutto un imbroglio.

Internet può nascondere parecchie insidie. La cosa è nota, come è nota anche la possibilità di poter incorrere in qualche truffa. È proprio il caso di un messaggio attribuibile alla Agenzia delle Entrate e relativo ad un presunto rimborso del canone Rai. Cosa naturalmente non vera. I soliti ignoti questa volta tentano di adescare le potenziali vittime attraverso un messaggio di posta elettronica. Nello stesso si legge come oggetto della mail: “Re: Rimborso Rai – A8005W”, con anche qualche variazione a seconda dei casi. E nel testo si prende notizia del fatto che al destinatario della mail spetta un rimborso parziale di 14,90 euro dal canone Rai. Anche la cifra può variare, fatto sta che però è tutto falso e che si tratta di un tentativo di truffa.

Truffa sul web, le raccomandazioni dell’Agenzia delle Entrate

Più in basso infatti viene richiesto di cliccare sul sito www.area-agenzia-en.info e di fornire alcuni dati personali, ma si tratta di un link fraudolento sul quale non si deve assolutamente andare. Proprio l’Agenzia delle Entrate raccomanda tutti di prestare la massima attenzione e di eliminare immediatamente i messaggi di posta elettronica ritenuti sospetti, direttamente e senza aprirli. Difatti nelle ultime settimane sono giunte alla stessa parecchie segnalazioni relative a questo tentativo di truffa a nome della stessa Agenzia delle Entrate, perpetrato attraverso un indirizzo e-mail fasullo. L’invito è quello di non fornire mai dati sensibili quali quelli anagrafici e quelli relativi alle proprie carte di credito. Inoltre non bisogna cliccare su link strani e si devono subito cestinare messaggi del genere, in cui invece viene esplicitamente richiesto di fornire notizie importanti sul proprio conto. Disavventure come questa purtroppo sono storia vecchia e ci si può incappare non solo al computer.

VIDEO NEWSLETTER