Dieta con bietola e cicoria: per perdere peso in 3 giorni

Fonte: Istock

Tutto sulla dieta a base di bietole e cicoria, il nuovo trend di metà estate per perdere fino a 3 kg in tre giorni.

Siamo ormai giunti a metà estate, periodo dell’anno che vede tante persone ormai pronte a rientrare dalle vacanze e tante altre pronte a partire per delle ferie tardive. In questo momento di transizione in molte continuano a combattere la loro personalissima lotta contro i chili di troppo. Che si debba smaltire quanto accumulato durante i giorni di ferie o che si stia cercando di superare la prova costume in vista di vacanze last minute, la dieta è sempre tra i pensieri di chi non si sente perfettamente a proprio agio con la propria figura. Un problema che riguarda tantissime donne, specie quando a dividere tra la forma perfetta e quella che rimanda lo specchio ci sono solo due o tre chili di troppo. Per porre rimedio al problema, ogni giorno vengono sfornate diete sempre nuove che promettono di raggiungere gli obiettivi sperati. Tra queste, c’è anche la dieta a base di bietola e cicoria, un metodo alquanto restrittivo che mira a far perdere gli ultimi chili di troppo in soli tre giorni e che per questo è diventata rapidamente una delle diete più seguite di quest’estate. Oggi, quindi, dopo aver visto la dieta anti caldo e quella dell’insalata di tonno e mais, proveremo a scoprire il menu di questa nuova dieta, analizzandone i pro e i contro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta lampo di Agosto

Dieta con bietola e cicoria. Scopriamo il menu e le indicazioni da seguire

dieta bietola e cicoria
Fonte: Istock

Questa dieta, decisamente restrittiva, punta a far perdere peso grazie all’azione combinata di due verdure che, tra le altre cose, aiutano anche ad eliminare i liquidi in eccesso. A ciò, si unisce la totale assenza di pane e pasta ed un introito di calorie davvero basso. Vediamo ora un menu ipotetico per seguire al meglio questo regime alimentare.

Primo giorno
Al risveglio bere un bicchiere di acqua tiepida con succo di limone
Colazione: Una tazza di tè verde senza zucchero e un frutto di stagione
Spuntino: Uno yogurt magro senza zucchero
Pranzo: Un piatto di bietole e cicoria con mezzo cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire una pesca
Merenda: Una tazza di tè verde senza zucchero
Cena: Un piatto di bietole cotte con due patate lesse e condite con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire una fetta d’anguria

Secondo giorno
Al risveglio bere un bicchiere di acqua tiepida con succo di limone
Colazione: Una tazza di tè verde e una piccola macedonia di frutta
Spuntino: Uno yogurt magro senza zucchero
Pranzo: Un piatto di bietole e cicoria con mezzo cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire due fette di ananas
Merenda: Una tazza di tè verde senza zucchero
Cena: Un piatto di cicoria cotta con due patate lesse e condito con un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva. A seguire una mela

Indicazioni

Il terzo giorno è possibile scegliere tra una delle due giornate.
Durante la dieta bisogna bere almeno due litri di acqua naturale.
Sono vietate le bibite zuccherate, il pane e la pasta.
Se possibile effettuare una moderata attività fisica come la corsa o la camminata.
La dieta va seguita per non più di tre giorni. Come mantenimento è possibile ripetere una sola giornata una volta a settimana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta: 5 regole per restare in forma dopo la prova costume

Pro e contro della dieta a base di bietole e cicoria

dieta bietola e cicoria
Fonte: Istock

Questa dieta appare certamente sbilanciata e troppo povera in calorie. Per questo motivo non è tra le diete da consigliare. Seguirla, infatti, porta a perdere per lo più liquidi e questo con il rischio di riprenderli una volta tornate all’alimentazione normale.
Qualora si decidesse di seguirla per entrare in un abito che sta troppo stretto o per una prova costume davvero imminente, è bene ricordare che seguirla per più di tre giorni oltre a portare a degli squilibri può abbassare notevolmente il metabolismo basale.
Prima di iniziarla è comunque consigliabile chiedere un parere al proprio medico curante o rivolgersi ad un nutrizionista in grado di renderla più adatta alle caratteristiche e alle esigenze personali.
In ogni caso si tratta di una dieta da evitare in caso di patologie come il diabete o se si è in dolce attesa.

Da leggere