Home Tatuaggi

Tatuaggi: in arrivo un regolamento europeo

CONDIVIDI
Fonte: Istock

Il mondo dei tatuaggi sta per essere stravolto da un regolamento Europeo che si prefigge di far sparire almeno 400 dei colori attualmente in uso presso i vari tatuatori.

Quella del tatuaggio, si sa, è una moda in continua crescita tanto da registrare, solo negli ultimi anni, un incredibile boom. Da prerogativa di pochi, i tatuaggi sono diventati rapidamente una delle tendenze più diffuse tanto che è sempre più facile trovare persone che ne hanno almeno uno, piuttosto che il contrario. Sempre più in uso anche tra gli adulti, quella di tatuarsi è una scelta che spesso cela il bisogno di parlare di se attraverso un’immagine o di portarsi addosso un ricordo o un momento importante. Qualunque sia il motivo, quello di tatuarsi è diventato un atto così comune da convincere la comunità Europea a sancire delle regole, specie per l’uso dei colori.
Sembra infatti che alcuni di questi, esposti al sole, tendano a scindersi diventando potenzialmente cancerogeni. Un problema che da Bruxelles hanno deciso di risolvere rapidamente, bandendo almeno 400 colori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Medici tatuati: promossi a pieni voti

I tatuaggi sono sotto il mirino di Bruxelles

inner lip inkingIl regolamento che dovrebbe entrare a far parte del mondo dei tatuaggi è previsto per la fine del 2018 e si pone di stabilire delle regole riguardo ai coloranti che attualmente sono liberamente usati dai vari tatuatori.
Da una ricerca condotta l’anno scorso da l‘Echa, l’agenzia europea che si occupa delle sostanze chimiche, è infatti emerso che nel lungo elenco dei coloranti usati ce ne sono di proibiti da tempo.
Il nuovo regolamento, quindi, si pone come traguardo quello di abolire almeno 400 coloranti ad oggi ancora in uso, aumentando le norme che riguardano l’igiene dei centri dove vengono effettuati i tatuaggi e sensibilizzando maggiormente i possibili fruitori sugli effetti che i tatuaggi possono avere sulla pelle e sulle persone che scelgono di farseli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Tatuaggi all’henné? Attenzione a quelli fatti in spiaggia

In attesa di un regolamento, restano le norme già conosciute come quella di affidarsi a centri affidabili e certificati, dove vengano usati degli inchiostri muniti di apposita etichetta che indichi gli ingredienti in essi presenti. In questo modo si eviteranno spiacevoli infezioni, ottenendo un tatuaggio duraturo ed in tutta tranquillità.