Home Attualità

Erano dispersi. I loro corpi sono stati ritrovati 75 anni dopo

CONDIVIDI

Una coppia svizzera scomparsa dalla loro fattoria nelle Alpi durante la seconda guerra mondiale è stata finalmente ritrovata, 75 anni dopo, mummificata in un ghiacciaio.

Marcelin, 40 anni, e Francine, 37 anni, Dumoulin scomparvero il 15 agosto 1942, mentre stavano portando a pascolare le loro mucche in un prato vicino a casa loro, vicino al villaggio di Chandolin, nel sud-ovest della Svizzera. Non sono mai tornati dalla loro famiglia, tantomeno dai loro sette figli.

I loro corpi sono stati scoperti da una stazione sciistica la scorsa settimana sul ghiacciaio di Tsanfleuron. Si pensa che lo scioglimento dei ghiacci abbia esposto i resti decenni dopo che la coppia è scomparsa nel mezzo della Seconda Guerra Mondiale.

La scomparsa della coppia

I ghiacciai si stanno sciogliendo così tanto da cambiare la forma della crosta terrestre. Bernhard Tschannen, CEO di una società svizzera di sci, afferma: “Ogni anno perdiamo un metro o mezzo metro di ghiaccio, il che significa che 80 anni fa questo ghiacciaio era molto più grande di adesso”. Ogni anno il ghiacciaio di Tsanfleuron, lungo due miglia, si sta ritirando, questo scioglimento dei ghiacci è un corpo rivelatore: dal 1926 ad oggi sono stati trovati 280 corpi nei dintorni delle Alpi tra cui quelli di questi due coniugi.

I coniugi Dumoulin hanno avuto sette figli – cinque figli e due figlie – che sono stati separati e collocati in famiglie diverse dopo che i loro genitori sono scomparsi.

“Abbiamo passato tutta la vita a cercarli senza fermarci”, ha detto a Le Matin la loro figlia più giovane, Marceline Udry-Dumoulin, che aveva solo quattro anni quando i suoi genitori scomparvero. “Volevamo poter dare loro il funerale che meritavano. Devo dire che dopo 75 anni di attesa, questa notizia mi tranquillizza profondamente.”

Marcelin e Francine, avevano rispettivamente 40 e 37 anni quando sparirono senza lasciare traccia.

La famiglia teneva le mucche vicino a casa e il giorno in cui la coppia scomparve fu la prima volta che Francine aveva accompagnato il marito nella sua passeggiata per dar loro da mangiare.

Un’altra figlia, Monique Gautschy-Dumoulin, ricordando quel giorno ha detto a Radio Television Swisse (RTS) che i suoi genitori stavano camminando verso la valle la mattina della loro scomparsa, che era una bella giornata. Suo padre stava cantando.

Ma quella fu l’ultima che Monique avrebbe visto dei suoi genitori, la cui scomparsa la lasciò a prendersi cura delle sue giovani sorelle e fratelli.

La loro madre, un’insegnante e padre, un calzolaio, probabilmente caddero in una crepa del ghiacciaio, dove i loro corpi furono preservati.

Un ritrovamento inaspettato

I corpi congelati di un uomo e una donna sono stati ritrovati durante una manutenzione ordinaria. I cadaveri si sono conservati nel ghiacciaio di Tsanfleuron, vicino a una sfilza di località sciistiche alla moda a 2.600 metri (8.500 piedi) sul livello del mare.

“Da lontano sembravano delle piccole rocce, ma ce n’erano troppe nello stesso posto”, ha osservato il direttore del resort Glacier 3000, Bernhard Tschannen, in un’intervista con Radio Television Swisse.
Quando si avvicinò, notò una serie di accessori congelati – zaini, orologi, una bottiglia di vetro e stivali – tutti risalenti a diversi decenni prima e potè constatare che la coppia era morta assiderata l’uno accanto all’altro, con i vestiti dell’epoca della seconda guerra mondiale indosso.

L’Istituto di medicina legale cercherà di identificare formalmente i corpi, attraverso test del DNA, per confermare le identità della coppia e si cercherà anche di capire come siano morti, ma i figli della coppia sono convinti che i corpi appartengono ai loro genitori scomparsi:
“Ora finalmente so dove sono i miei genitori.”, ha detto Udry-Dumoulin.


Ti potrebbe interessare anche—>Dai ghiacciai alpini le risposte sul clima che cambia