Home Intimità

Un cortometraggio per raccontare in 80 secondi un amore soffocante

CONDIVIDI
Morning coffee, il caffè del mattino, è il geniale cortometraggio d’animazione capace di descrivere in una manciata di secondi gli effetti devastanti di un amore che soffoca.
Maya v-Ron, David Feliu, Larissa Paz, Araz Keilan e Shen Yi sono 5 studenti dell’Accademia e Scuola dell’Immagine Gobelins di Parigi, per la precisione del Master in Arte dell’Animazione dei personaggi e Animazione cinematografica.
La specifica sul corso seguito dalla compagine appare essenziale poiché la fama dei 5 ragazzi è legata ad oggi proprio a un lavoro di animazione. Sono loro infatti i 5 autori di Morning Coffee, Il caffè del mattino, cortometraggio semplicemente geniale che racconta tutti i turbamenti legati al vivere un amore soffocante.

Il cortometraggio sull’amore che soffoca

Il cortometraggio dura circa 80 secondi, tempo breve ma sufficiente per ritrarre alla perfezione tutti i tormenti interiori del protagonista, uomo intrappolato in una relazione a dir poco soffocante.
Non è certo un caso se l’unica voce che udiamo è quella della sua compagna, perennemente intenta nel monopolizzare il momento della colazione che dovrebbe esser invece rilassante e all’insegna della complicità.
La ragazza travolge invece il suo lui con un fiume di parole, lo priva di ogni opportunità di replica, lo soffoca nell’imporgli un caffè dietro l’altro e arriva persino a strappargli di mano il cellulare per rispondere al suo posto.
Intanto il cortometraggio ci mostra le immagini che scorrono nella mente del malcapitato: pareti che si stringono attorno al suo corpo con fare claustrofobico, serpenti pronti a divorarlo e testa in perenne esplosione. I sintomi di un amore soffocante, per l’appunto.
A colpire in particolare modo, oltre ovviamente alla dirompente invadenza della donna, è l’assoluta arrendevolezza dell’uomo: non parla, non reagisce, quasi non si muove, come se oramai la devastazione legata a un rapporto impossibile sia qualcosa da cui non si ha più via di scampo, una sorte ineluttabile. Ma anche voi credete sia così? Veramente non c’è va di scampo? Forse è giunto il momento di trovare la forza di parlare e cambiare le carte in tavola per raggiungere una vera felicità.
Rivediamo insieme questi 80 secondi semplicemente geniali.