Home Attualità

Salvata dalla morte da sua figlia neonata: la storia di Shelly e Rylan – VIDEO

CONDIVIDI
parto
Il parto che ha del miracoloso: una storia bellissima

Salvata dalla morte di parto, a salvarla è proprio sua figlia neonata. La bellissima storia di Shelly e Rylan

Un parto finito male, che stava per terminare in tragedia. Ma poi una specie di miracolo salva madre e bimba in una storia che commuove il mondo intero. E’ davvero incredibile quello che è accaduto a Jeremy e Shelly Ann, due coniugi che vivono nel North Carolina, negli Stati Uniti. Una esperienza che fa pensare davvero ci sia al mondo qualcosa di “oltre”, qualcosa che non possiamo controllare. Shelly è stata ad un passo dalla morte ed è stata proprio la sua bambina a salvarla, in un certo senso, anche se il ruolo di “salvatrice” vera è da attribuire ad Ashley, l’infermiera che le stava seguendo. Shelly stava partorendo con un cesareo la sua prima figlia, Rylan, ma aveva perso molto sangue ed è entrata in coma. Momenti davvero drammatici per suo marito Jeremy: “Sono passato dalle emozioni fortissime di veder nascere una figlia al momento in cui ho realizzato che stavo per perdere mia moglie”, ha raccontato l’uomo riguardo quella storia. Ma non era ancora detta l’ultima parola e Shelley aveva ancora una minuscola speranza di vita.

Stava per morire, l’ha salvata sua figlia neonata: la storia di Shelley e della piccola Rylan

“Non si salverà, ormai è morta”. Era più o meno questa la sentenza che i medici avevano dato sulla sorte di Shelly, che dopo aver dato alla luce la piccola Rylan, era entrata in coma e sembrava davvero ad un passo dalla morte. Era in condizioni gravissime, nessuno sapeva cosa fare. Ma poi improvvisamente un’idea davvero incredibile è balenata nella mente di Ashley Manus, l’infermiera che si stava prendendo cura di loro. Il contatto fisico mamma-figlia, si sa, è fondamentale, e proprio da questo nacque l’idea di Ashley, nel 2014, quando accadde il tutto. Mise la piccola Rylan in braccio a sua madre, e lei, che era in salute e piangeva “normalmente”, come tutti i bambini, smise di piangere e si adagiò tra le braccia della madre. Fu in quel momento che Shelly si risvegliò e tornò a vivere, con una voglia di farcela che fino a quel momento era sembrata davvero una chimera.