Home Dieta e Alimentazione

Dimagrire velocemente con la dieta della macedonia

CONDIVIDI
Fonte: Istock

Tutto sulla dieta della macedonia, per perdere peso grazie alla frutta.

Con il caldo estivo, l’idea di perdere peso risulta più scoraggiante, da un lato perché il solo pensiero di fare sport o preparare piatti sani può far passare a molti la voglia di lottare contro i chili di troppo e dall’altro perché con le temperature alte si vorrebbe andare avanti a gelati e cibi freschi e saporiti. In tal senso, un rimedio che ogni anno torna puntualmente ad accompagnare la bella stagione è quello della dieta della macedonia, una strategia vincente che promette di far perdere velocemente peso nella misura di un chilo e mezzo in tre giorni, aiutando anche a smaltire eventuali liquidi nelle zone solitamente più critiche come addome, cosce e fianchi. Vediamo quindi come funziona e qual’è il menu da seguire per ottenere i risultati tanto sperati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta delle albicocche: per dimagrire abbronzandosi

Dieta della macedonia: Scopriamo il menu dei tre giorni

Fonte: Istock

Primo giorno:
Colazione: Una macedonia di pesche bianche e susine con un cucchiaio di yogurt magro ed un caffè senza zucchero
Pranzo: 100 gr di roast beef con contorno di insalata mista condita con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
Merenda: Una spremuta di arance
Cena: Passato di legumi condito con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e accompagnato da 30 gr di riso integrale. Macedonia di frutta esotica con scaglie di cocco e due mandorle

Secondo giorno
Colazione: Un bicchiere di latte scremato con caffè senza zucchero e 30 gr di cereali integrali
Pranzo: Un uovo accompagnato da indivia belga condita con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e poco sale. Macedonia di ananas, lamponi, mango e anguria
Merenda: Una piccola macedonia con kiwi e ciliegie
Cena: 50 gr di pasta integrale con pomodoro fresco e basilico con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva. Macedonia di mela verde e ananas con due noci

Terzo giorno
Colazione: Una tazza di tè verde senza zucchero e una macedonia di banane e ciliegie
Pranzo: Caprese con pomodori a volontà e 80 gr di mozzarella con mezzo cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e origano
Merenda: Una tazza di mela verde a pezzetti con un cucchiaio di uvetta e pinoli
Cena: 50 gr di risotto allo zafferano (o al limone) condito con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e poco sale. Macedonia di frutti di bosco con una pallina di gelato alla crema light

Avvertenze

Durante la dieta è necessario bere tanta acqua e fare un minimo di attività fisica nella misura di almeno una mezz’ora al giorno.
Passati i tre giorni si potrà ripetere uno di questi una volta a settimana in modo da riuscire a mantenere il peso.
La frutta può variare ma va consumata con parsimonia quella eccessivamente dolce e ricca in carboidrati come, ad esempio, la banana.
Durando solo tre giorni, gli alimenti andrebbero mangiati nell’ordine stabilito e senza variazioni. In caso di intolleranze particolari va ricordato che sono da evitare insaccati, cibi confezionati e ricchi di zucchero.
La dieta è altamente sconsigliata alle donne in stato di gravidanza, alle persone diabetiche e a chi soffre di problemi intestinali come la disbiosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Perdi peso velocemente con la dieta del pomodoro

Pro e contro della dieta

Frutta (Thinkstock)

Trattandosi di una dieta di breve durata, la presenza di frutta e verdure è senza dubbio positiva da un punto di vista nutrizionale, soprattutto per l’apporto di sali minerali e vitamine che da all’organismo. D’altro canto, si tratta sempre di una dieta restrittiva studiata per raggiungere un quantitativo calorico di circa 1000 kcal e, pertanto, estremamente basso.
Come sempre, prima di seguire una dieta ipocalorica è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico curante, soprattutto se i chili da perdere sono più di due o tre e se oltre a vedersi più sgonfie si desidera eliminare il grasso in eccesso. In tal caso, infatti, per raggiungere ottimi risultati senza correre il rischio di carenze nutrizionali, è meglio affidarsi ad un bravo nutrizionista, affiancando alla dieta degli esercizi mirati a migliorare i punti critici. In questo modo si otterrà un risultato soddisfacente e in grado di durare nel tempo.