Home Attualità

La più lunga eclissi lunare del secolo avrà luogo il 27 luglio

CONDIVIDI

Venerdì 27 Luglio cenate fuori e alzate gli occhi al cielo per godere dell’eclissi lunare più lunga del secolo, è previsto uno spettacolo incredibile, quella notte filtrerà una luce rossa e la Luna assumerà toni ramati.

Questa eclissi lunare totale durerà 103 minuti, l’nizio dello spettacolo è previsto alle 21:29. La Luna si nasconderà dal Sole all’ombra della Terra. Questa eclissi sarà la più lunga del secolo, durerà 103 minuti dalle 21:29 alle 23:19.

L’eclissi lunare del secolo

A rendere questo fenomeno ancora più particolare, il fatto che l’eclissi inizierà prima del tramonto. La difficoltà di questa eclissi è che la luna risulterà già eclissata, quindi si avrà bisogno di un orizzonte abbastanza chiaro per trarne il massimo vantaggio. L’eclisse è visibile a occhio nudo.

La sera stessa, Marte sarà in “super-opposizione“, il che significa che “oltre ad essere l’opposto del Sole, il pianeta, che sarà un punto rosso molto luminoso nel cielo, sarà più vicino a la Terra “, dicono gli esperti della Nasa e l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project.

La prossima occasione per vedere questo fenomeno non accadrà prima del 2035. Mentre la prossima eclissi lunare, è prevista per il ​​21 gennaio 2019.

Ti potrebbe interessare anche—>Storia sentimentale dell’astronomia;

Nessuna paura se il meteo non permette o se siete impossibilitati a uscire fuori per ammirare il cielo, questo spettacolo è visibile anche comodamente seduti sulla poltrona di casa collegandosi al sito del Virtual Telescopeche mostrerà in diretta l’eclissi totale di Luna più lunga del secolo e la grande opposizione di Marte a partire dalle ore 20.30 sulla webTV di Virtual Telescope.

Oltre allo spettacolo che offrono, questi eventi astronomici sono appuntamenti spesso ricchi di nozioni,  molto importanti da un punto di vista scientifico.

Le eclissi totali destano moltissimo interesse nei ricercatori nel campo della fisica solare e, in particolare, in coloro che fanno ricerche sulla base dello strato di gas ionizzato che bagna la nostra stella. Proprio perchè sono eclissi totali sono l’unico modo per vedere questa parte dell’atmosfera della stella (che è un tipo di interfaccia tra la macchina interna del Sole e le manifestazioni della sua attività: macchie, spire magnetiche, eiezioni di massa coronale, ecc., ndr). Attualmente, per osservare qualcosa che è vicino al Sole, si utilizza un coronografo, una specie di pelle che viene inserita in un telescopio per oscurare il Sole.

Purtroppo questi grandi strumenti condensano molta luce, e al tempo stesso anche un sacco di calore. Quindi, per proteggere se stessi, si è costretti ad usare un coronografo molto più ampio rispetto al diametro apparente della nostra stella. Ma questo rende invisibile la corona solare bassa. E se si sceglie invece di osservare il Sole utilizzando filtri, questa zona molto meno luminosa non può essere osservata. Da ciò è data l’importanza delle eclissi naturali.

Ti potrebbe interessare anche—>Astronomia: 7 nuovi pianeti simili alla terra!