Home Attualità

I Rom in Italia vogliono mostrare a Salvini chi sono veramente

CONDIVIDI

I Rom in Italia vogliono mostrare a Salvini chi sono veramente, tra la polvere di un campo Rom alla periferia della capitale italiana, la vita continua nonostante le minacce del nuovo ministro degli Interni e capo della Lega Matteo Salvini.

Matteo Salvini, già nel fuoco per aver rifiutato di aprire i porti italiani alla nave umanitaria Acquarius, con 630 migranti a bordo e con l’Olanda per la questione dell’attracco della nave Lifeline,  ha scatenato una nuova ondata di indignazione annunciando un nuovo censimento dei Rom che vivono in Italia.

Salvini di nuovo sotto accusa dalla sinistra, campagna elettorale fascista

Salvini ha fatto scalpore la scorsa settimana opponendosi all’ingresso in un porto italiano di una nave umanitaria carica di 630 migranti. Questa nave, l’Acquarius, è finalmente arrivata questo fine settimana in Spagna dopo un’odissea mediterranea di quasi una settimana, al largo delle coste della Libia, in Spagna, attraverso le acque maltesi e quelle della Sardegna:

“Prima di tutto, gli attacchi ai migranti […] e ora quelli contro i Rom”, ha criticato il capogruppo del Partito di Liberi e Uguali di sinistra alla Camera dei Deputati, Federico Fornaro: “L’importante è fomentare l’odio e creare un nemico”, ha aggiunto.

VIDEO NEWSLETTER

“Alcune persone parlano di shock, perché? Penso solo a quei bambini poveri che stanno imparando a rubare e a vivere nell’ illegalità “, ha risposto dal canto suo Matteo Salvini su Twitter.

Queste osservazioni hanno suscitato scalpore nelle file dell’opposizione di sinistra e un certo malessere all’interno del nuovo governo populista italiano. Denunciato come un “fichage” dalla sinistra e dalle organizzazioni per i diritti umani, alcuni hanno anche paragonato la sua campagna elettorale alle leggi razziali approvate nel 1938 in pieno fascismo.

“Salvini continua la sua campagna elettorale con parole sempre più assurde”, ha detto la senatrice del Partito Democratico (PD, centro-sinistra), Simona Malpezzi, per la quale questo censimento è “solo l’ultimo ritrovato dal profumo vagamente fascista del nuovo ministro degli interni”.

La risposta dei Rom

Nel “villaggio sul fiume”, il nome di questo campo rom situato poco lontano dalle strade e dai palazzi principali del centro storico della Città Eterna, alcuni Rom hanno detto il loro pensiero, altri hanno preferito stare lontani da questa controversia.

“Se lui (Salvini) vuole venire qui, lo salutiamo con cortesia e lui deve vedere come viviamo”, dice il diciottenne Habibi Mehmedi.

“Cose cattive? “Certamente” ci sono alcuni di noi che fanno cose cattive, ma la maggior parte qui sono italiani e non hanno mai commesso alcun reato”, aggiunge, un altro Rom.

Marcello Zuinisi, fondatore di Nazione Rom, un’associazione che lotta per i diritti dei Rom e dei Sinti (zingari) in Italia, ritiene che non c’è motivo per i Rom di sentirsi troppo spaventati dalle minacce del nuovo Ministro degli Interni:

“Conosco Matteo Salvini, abbiamo avuto diverse conversazioni”, ha detto, “Non penso che stia facendo molto in concreto, sono solo parole”

E per dimostrarlo mostra ad un giornalista di AFP un messaggio che ha inviato al Ministro degli Interni per avvertirlo che l’Istituto di Statistica in Italia aveva già condotto una lunga indagine nel 2017 sui Rom d’Italia e su come sono stati utilizzati i fondi europei (per i Rom) “e lui mi ha ascoltato”, ha detto.

Zuinisi ha spiegato che la sua associazione si è recata a Bruxelles di recente per chiedere alla Commissione europea di indagare sull’utilizzo dei sette miliardi di euro di fondi strutturali concessi all’Italia per promuovere alloggi, salute o Educazione rom e senzatetto dei quali ai Rom non è arrivato nulla.

Secondo l’Associazione al 21 luglio scorso, l’indagine ha mostrato che ci sono in Italia tra 120 e 180.000 Rom e Sinti, di cui circa 16.400 vivono in campi come quello di River Village, sparsi in 87 diverse città. In questi campi, il 43% dei residenti sono italiani, il resto proviene principalmente da paesi dell’ex Jugoslavia.

Solo a Roma ci sono 17 campi, e sebbene gli  “Zingari” rappresentino solo lo 0,3% della popolazione in Italia, sono soggetti a ogni tipo di discriminazione. Spesso accusati di furto e traffico di ogni genere, i Rom hanno difficoltà ad adattarsi, specialmente nella capitale italiana dove il crimine organizzato è in parte nelle mani dei clan Sinti.

Ad aprile, la polizia ha arrestato circa 10 persone nel River Village dopo un furto d’auto. E per arrivare a questo campo, bisogna attraversare un “checkpoint” della polizia alla fine di una piccola strada che costeggia il Tevere, il fiume che attraversa Roma. Circa 127 famiglie e circa 180 bambini vivono in questo campo, in bungalow, caravan o strutture prefabbricate.

Questo è uno dei migliori campi della capitale, dice Zuinisi, che sottolinea, che per esempio, in questo campo tutti i bambini vanno a scuola.

Tuttavia, River Village non ha acqua corrente e l’acqua potabile viene consegnata da un’azienda privata.

“E, per fortuna, immagina come sarebbe vivere qui con questo caldo!” Dice Albert Hasimi, un kosovaro di 18 anni che ha vissuto quasi tutta la sua vita in Italia.

Ma la preoccupazione principale è la mancanza di lavoro, per la semplice ragione, spiega, che i datori di lavoro non vogliono assumere i Rom.

“Tutti dicono che gli zingari rubano, ma la camorra, la mafia? Pensano che la loro razza sia migliore della nostra, è davvero così semplice?” urla un altro rom.

Ti potrebbe interessare anche—>Matteo Salvini, attacco di Inoki Ness: Spero ti stuprino in massa;