Home Attualità

Studenti erasmus italiani morti in Catalogna: riaperto il caso

CONDIVIDI
Erasmus
Le ragazze morte nell’incidente

Le studentesse Erasmus italiane morte in un incidente stradale in Catalogna: il Tribunale spagnolo riapre il caso

Si riapre il caso delle studentesse Erasmus italiane che il 20 marzo 2016 sono mortie in un tragico incidente stradale su un pullman. L’indagine penale era stata archiviata dal Tribunale di Ampolla per ben due volte in quanto il giudice che presiedeva l’udienza ha ritenuto che non ci fossero i presupposti per incriminare l’autista del pullman. Ma i genitori delle ragazze, che erano in Erasmus in Spagna, non hanno accettato il verdetto ed hanno portato avanti un’estenuante battaglia legale, in un’azione congiunta per chiedere alla giustizia spagnola che venisse riaperto il caso. Adesso sono riusciti nel loro intento e dovranno dimostrare che c’è stata negligenza, mettendo nei guai penalmente l’autista del pullman. L’annuncio è arrivato dal padre di Elena Maestrini, una studentessa di Gavorrano che fu fra le 7 vittime italiane quel giorno. Il post di Gabriele Maestrini è dedicato a sua figlia Elena ed è struggente: “815 giorni di angoscia e disperazione, 815 giorni di attesa di capire perché, chi è stato? quali sono le responsabilità? chi ha causato questa immane tragedia? In questi 815 giorni DUE tentativi di archiviazione per una inchiesta che dovrebbe inoltre aiutare ad evidenziare e con intelligenza correggere le criticità che hanno provocato questi omicidi”.

Leggi anche — > Grave incidente stradale, treno travolge tir

Gli studenti Erasmus morti a Barcellona nel 2016: cosa accadde

Erasmus
L’autobus di studenti ribaltato in Spagna (PAU BARRENA/AFP/Getty Images)

Un episodio tremendo, un tragico incidente stradale che in realtà, stando ad alcune indagini, sarebbe da attribuire all’errore umano. In quel tragico schianto morirono 13 ragazze, tutte studentesse Erasmus, sette delle quali erano italiane ed erano in viaggio sull’autostrada Valencia-Barcellona, quando il bus su cui viaggiavano è rimasto coinvolto in un terribile incidente stradale, nel quale hanno perso la vita. L’autista fu accusato di omicidio colposo plurimo ma risultò negativo ai test anti droga e alcool. Poi il proscioglimento dell’uomo e la successiva battaglia legale che adesso potrebbe veder “vincere” gli accusatori, anche se ovviamente per tutti sarà solo il modo di onorare la memoria di ragazze giovani andate via troppo presto.

Francesca Bonello, Elisa ValentValentina GalloLucrezia BorghiSerena Saracino, Elisa Scarascia Mugnozza, Elena Maestrini. Questi i nomi delle ragazze che hanno perso la vita quel giorno.