Home Gossip

Angelina Jolie, le parole dell’ex marito Billy Bob Thornton

CONDIVIDI
Angelina Jolie
Angelina Jolie e il fratello James Haven (Getty Images)

Billy Bob Thornton, ex marito di Angelina Jolie, torna sul loro divorzio di 15 anni fa: “Ci siamo lasciati perché troppo diversi”

Non è un momento indimenticabile per Angelina Jolie. L’attrice americana ha da poco divorziato con Brad Pitt ed è stata la fine di una storia d’amore lunga e piena di bei momenti, piena anche dei loro figli che hanno cresciuto con tanta passione. Ma adesso la situazione si sta complicando, soprattutto per quanto riguarda i figli: Angelina Jolie nei giorni scorsi si è arrabbiata molto perché non è riuscita a far sì che i suoi figli lasciassero gli Stati Uniti, e ora si vocifera che potrebbe perdere la custodia esclusiva dei pargoli. Ma in queste ore si è tornati a parlare anche di un altro divorzio che pende sulle spalle di Angelina Jolie, quello con Billy Bob Thornton, terminato 15 anni fa. E’ stato proprio l’attore americano, in un’intervista, a ricordare i tempi andati e a spiegare perché non funzionò: “Angie è ancora una mia cara amica – dice Thornton – Realizza film che sono importanti per lei, che abbiano successo o meno, e io la rispetterò sempre per questo. Perché ci siamo lasciati? Lei ha uno stile di vita globale, il mio è uno stile di vita agorafobico: probabilmente è questa la ragione per cui non stiamo ancora insieme”. L’attore oggi è sposato con Connie Angland e ha una figlia di 13 anni, Bella Thornton. La storia con la Jolie è acqua passata, per entrambi.

Angelina Jolie e Billy Bob Thornton: il “caso” del ciondolo col sangue

Angelina Jolie

Uno degli episodi che all’epoca della storia fra Angelina Jolie e Billy Bob Thornton destarono più scalpore fu la famosa storia del ciondolo. Entrambi sfoggiavano una collana con un ciondolo che conteneva una minuscola ampolla del sangue dell’altro, un’usanza che a molti sembrò un po’ macabra e che creò alla coppia non pochi problemi: “Molte delle cose che furono dette su di noi all’epoca erano esagerate. Non era una cosa così folle come la gente ha scritto”. Si trattava di poche gocce di sangue estratte alla buona sotto un’unghia con una penna e messe in un’ampollina, ha raccontato l’attore, che si è detto stupito del fatto che la cosa destò così tanto scalpore: “Per noi era una cosa semplice, ma quando la notizia è uscita sui giornali sembrava che stessimo indossando un secchio di sangue intorno al nostro collo. Fu un’esagerazione”.