Home Attualità

Asia Argento sotto attacco, Rose McGowan la difende in una lettera

CONDIVIDI

La morte di Anthony Bourdain ha sconvolto il mondo della televisione e non solo. Da allora però Asia Argento è stata subissata dalle critiche.

Negli ultimi mesi, con una certa regolarità, Asia Argento si ritrova al centro di violente critiche social. Il tutto ha avuto inizio con le denunce a Weinstein, con l’attrice romana entrata a far parte del movimento #MeToo. In molti l’hanno definita un’approfittatrice più che una vittima, avendo scelto, a detta loro, di accettare le proposte del produttore, così da fare carriera. Le accuse dei social sono ripartire, più forti che mai, dopo il suicidio dello chef Anthony Bourdain. I due avevano una relazione e, dopo la sua morte, da più parti sono piovute accuse contro la Argento, definita da molti una delle cause che hanno spinto il cuoco al suo gesto tragico. Nelle ultime ore però una collega di Asia Argento, grande amica di Bourdain, si è schierata in favore dell’attrice italiana. Si tratta di Rose McGowan, celebre per il ruolo di Paige in Streghe.

Rose McGowan difende Asia Argento

Asia Argento torna a 'X Facrtor' dopo la morte del compagno

L’attrice della nota serie televisiva americana ha scritto una lettera, pubblicata da Buzzfeed, nella quale prende le parti di Asia Argento: “E’ stata proprio Asia a chiedermi di parlare in sua vece, ha affrontato il suo mostruoso violentatore e ora deve affrontare un altro mostro, il suicidio. Il suicidio del suo amato amante e alleato, Anthony Bourdain. Molte persone consideravano Anthony un amico che hanno perso e vogliono scagliarsi contro qualcuno e incolpare. Non ci si deve abbassare a quel livello. Il suicidio è una scelta orribile, ma è la scelta di una persona. Non compiamo il gesto sessista di bruciare una donna sul rogo a causa di una colpa ingiustificata. La guerra interna di Anthony era la sua guerra, ma ora è rimasta da sola sul campo di battaglia a venir colpita dai proiettili. Non è accettabile in nessun modo incolpare lei o qualcuno di diverso, nemmeno Anthony”.

Il riferimento degli utenti sul web è alle foto di Asia Argento apparse a Roma con un giornalista francese, 14 anni più giovane di lei, ma la McGowan critica aspramente tutto questo: “Vi chiediamo di essere migliori, andare più a fondo, leggere e imparare quello che riguarda le malattie mentali, il suicidio e la depressione prima di rendere la situazione peggiore per chi è sopravvissuto giudicando quello che non hanno capito, che non può mai essere compreso del tutto. Anthony non avrebbe mai voluto che Asia venisse ferita. Mi piace pensare che ci voglia far dialogare su quello che si deve fare alle prese con la depressione. Incolpare non è un dialogo, è impedire la nostra crescita collettiva”.