Home Social

“Per me Scommettiamo Che? era Fabrizio Frizzi. Senza di lui non esiste”

CONDIVIDI

SANREMO 2018 MICHELLE HUNZIKERNon è un momento felicissimo per la soubrette svizzera  Michelle Hunziker.

Dopo il gran successo dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, per lei solo critiche.

Ad esempio, per  l’ultima puntata di Vuoi scommettere, la sua nuova trasmissione televisiva,  ha perso un milione di telespettatori.

La critica dello storico regista Michele Guardì

Michele Guardì, è lo storico regista e autore dello show originale Scommettiamo che? targato Rai. Il regista,  lancia una pungente affermazione  al revival di Mediaset:

“Se ho visto Vuoi Scommettere della Hunziker? Solo un pezzetto – ha spiegato a Spy -. È un programma che comunque non avrei più rifatto, soprattutto dopo quello che è successo negli ultimi mesi. Sa, quando è morto Mario Riva, Pietro Garineri e Sandro Giovannini non hanno più pensato di rifare Il Musichiere. Per me Scommettiamo Che? era Fabrizio Frizzi. Senza di lui non esiste”.

Michelle Hunziker e la clamorosa gaffe su Fabrizio Frizzi

michelle hunziker

Dopo 30 minuti dall’inizio della puntata della trasmissione presentata dalla soubrette svizzera “Vuoi scommettere?” lei ha ricordato il presentatore romano Fabrizio Frizzi, tragicamente scomparso lo scorso 26 marzo.

Il conduttore trent’anni prima aveva fatto amare agli italiani la sua “Scommettiamo che”, che ora è stato trasformato in  “Vuoi scommetere”. Per questo motivo la ex moglie di Eros Ramazzotti, ha ricevuto parecchie critiche attraverso i social dove lei è sempre presente ma dove non ha mai ricordato Fabrizio.

“Ognuno dovrebbe affrontare il lutto come vuole”

fabrizio frizzi
Settimanale Oggi

La donna alle critiche, a suo tempo, dopo la morte di Fabrizio Frizzi aveva risposto con questo post:

“Ognuno dovrebbe affrontare il lutto come vuole, come può e a sua completa sensibilità e discrezione. Non è assolutamente detto che si abbia sempre voglia di rendere pubblico il proprio dispiacere sui social e non è nemmeno detto che una persona non soffra perché non lo annuncia in un post”.