Home Attualità

Vuoi Scommettere? Aurora Ramazzotti si sfoga: “Continuo confronto con mia madre”

CONDIVIDI

Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti

 

L’esordio televisivo della coppia madre-figlia Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti sta avendo successo. Ottimi i risultati ottenuti da Vuoi Scommettere? , con la 21enne che di recente ha parlato del suo passato e di come lavoro e amore l’abbiano aiutata.

Nonostante l’iniziale gaffe su Fabrizio Frizzi, Vuoi Scommettere? è arrivato alla sua seconda puntata e il pubblico sembra apprezzare la coppia composta da Michelle Hunziker, conduttrice in studio, e Aurora Ramazzotti, sua figlia e inviata, che si occupa della messa in atto delle prove.

In ogni puntata sono presenti degli ospiti famosi, che devono puntare sulla prova che ritengono possa essere completata con successo. Se ciò non avviene, per loro si profila un’imbarazzante pegno. Nell’ultima puntata è capitato ad esempio a Noemi, bendata e costretta a infilare la mano in una scatola misteriosa, indovinando qualsiasi cosa toccasse.

Aurora Ramazzotti si sta ben comportando, lottando contro chi le continua a cucire addosso l’appellativo di raccomandata. Intervistata dal settimanale F, ha parlato del suo recente passato, della crisi vissuta e soprattutto del rapporto con sua madre: “A 18 anni volevo soltanto andare in giro, ubriacarmi, fare casino, limonare e potevo perdermi. Facevo tutto questo, ma troppo. Spingevo eccessivamente anche oltre quanto potevo sopportare. Al tempo litigavo spesso con mia madre, che aveva due bambine piccole cui badare. C’era poi suo marito, Tommaso, che teneva a me, e quindi mi stava addosso. Ciò che mi ha aiutato a venirne fuori è il lavoro, ma soprattutto l’amore di Goffredo”.

Aurora Ramazzotti e Michelle Hunziker, il confronto

Vuoi Scommettere, Hunziker e Aurora

Impossibile essere la figlia di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti senza pagarne il pegno. In molti non fanno che paragonarla alla madre, soprattutto sotto l’aspetto fisico. Qualcosa che quotidianamente Aurora deve sopportare, con la situazione che diventa pesante: “L’ultimo episodio è avvenuto ieri, in un negozio. Una commessa mi fa un complimento e un uomo ci tiene a farsi sentire da me, gridando per ben tre volte ‘Mejo la madre’. Non ho nulla contro mia mamma, ma questa è cattiveria, è ignoranza. Sono cose che so, ma comunque riescono a farti male. Negli anni scorsi infatti non mi piacevo, e tutte queste situazioni hanno dato il via a una serie di insicurezze che mi sono portata dietro”.