Home Uomini & Donne

Uomini e Donne, Lorenzo Riccardi: braccio e costole rotte

CONDIVIDI

Lorenzo Riccardi

Grande timore per i fan di Uomini e Donne Il corteggiatore Lorenzo Riccardi è rimasto coinvolto in un incidente stradale. È finalmente uscito dall’ospedale ed ecco quali sono le sue condizioni.

I fan di Uomini e Donne erano in ansia per le condizioni di Lorenzo Riccardi. Tanti i sostenitori del noto corteggiatore di Sara Affi Fella in attesa di avere informazioni in merito alle sue condizioni. Riccardi è stato infatti coinvolti in un incidente stradale, e in seguito ricoverato in ospedale.

Rapidamente la notizia ha fatto il giro del web, con il suo amico Nicolò Ferrari che ha confermato l’accaduto. Mentre tutti ancora cercavano di comprendere l’accaduto, Riccardi è uscito dall’ospedale, pubblicando in seguito due storie sul proprio profilo ufficiale Instagram, spiegando a tutti i propri followers cosa fosse accaduto.

Uomini e Donne, Lorenzo Riccardi in ospedale

Tutto bene ciò che finisce bene, con Lorenzo Riccardi uscito dall’ospedale senza aver subito danni permanenti. Sui social il diretto interessato ha spiegato l’accaduto. Era a Milano, in giro con la sua moto, quando una donna gli ha tagliato la strada. La sua auto lo ha di colpo tamponato, provocandogli svariate ferite.

Una situazione non grave, ma neanche di rapida e facile soluzione. Su Instagram ha infatti mostrato il proprio braccio ingessato, sottolineando anche d’aver riportato ben due costole rotte. Un brutto incidente e, date le conseguenze, avvenuto a velocità elevate. Un grande spavento, ora passato, e per rassicurare tutti ha pubblicato qualche video, nel quale si mostra alquanto sereno. Le ultime parole sono infine state per Sara Affi Fella e la sua imminente scelta. L’incidente infatti non lo allontanerà da Uomini e Donne, anche se forse in esterna dovrà fare più attenzione.

Anche con due incidenti al giorno, ha detto, sarà comunque presente al giorno della scelta di Sara. Ironicamente poi ha spiegato che tutta questa sfortuna deriva dal fatto che qualcuno non lo voglia al giorno decisivo in studio.