Home Attualità

Tè per dimagrire? Meglio berlo freddo

CONDIVIDI
Fonte: Istock

Da un nuovo studio la scoperta: per dimagrire è meglio il tè freddo.

Alla vigilia della tanto temuta prova costume, qualsiasi espediente può tornare utile specie a chi è alle prese con l’eterna lotta ai chili di troppo. Per questo motivo esistono innumerevoli studi che, ogni giorno, mirano a scovare nuovi metodi per accelerare il metabolismo o potenziare i risultati delle varie diete che, in questo periodo, si susseguono senza sosta con proposte di ogni tipo e volte a soddisfare le diverse esigenze di ognuno di noi.
A tal proposito, una delle scoperte più recenti arriva da uno studio svizzero svolto su una delle bevande più bevute quando si è a dieta, il tè. Ebbene, dallo studio è emerso che per aumentare le possibilità di dimagrimento, a fronte di un’alimentazione sana e possibilmente seguita da una minima attività fisica, è meglio bere un bicchiere di tè freddo piuttosto che uno caldo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Rimedi naturali: bevanda sciogli grasso al tè verde

Per stimolare il dimagrimento, il tè freddo è più efficace di quello caldo

Fonte: Istock

Lo studio arriva dall’università di Friburgo, dove un gruppo di ricercatori ha studiato gli effetti di un tè particolare molto diffuso in Sud America, ovvero il tè di Yerba Mate. Lo studio che prevedeva l’osservazione degli effetti dello stesso tè bevuto sia caldo che freddo, è stato effettuato su un campione di persone che hanno bevuto 500 millilitri di tè non zuccherato e in due versioni differenti: una a 3 gradi e l’altra a 55.
Attraverso dei parametri vitali come il consumo di ossigeno e la frequenza cardiaca, presi a tutti i partecipanti, sia prima che dopo l’assunzione del tè freddo e di quello caldo, è emerso un diverso comportamento a livello metabolico secondo cui il tè freddo comporterebbe un dispendio energetico pari a poco più del doppio di quello registrato per il tè caldo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Dieta dell’anguria: fino a 5 kg in meno in una settimana

Da un esame più approfondito è inoltre emerso che il consumo di tè freddo aumenta anche l’ossidazione dei grassi, diminuendo il carico metabolico del cuore. Una scoperta importante che probabilmente aprirà la strada ad altri studi analoghi volti a capire le differenti reazioni dell’organismo all’assunzione dei vari tè e di bevande sia calde che fredde.