Home Attualità

27enne diventa suora di clausura: le immagini del rito quasi estinto

CONDIVIDI
suora di clausura
Foto da Facebook @arcidiocesitrani

A Barletta è andato in scena un rito tanto antico quanto raro: la vestizione di una suora di clausura. Le immagini hanno fatto il giro del web.

Carmen D’Agostino è andata all’altare con il suo abito bianco, accompagnata dal padre e in una chiesa gremita, in cui occhi erano tutti puntati su lei. La ragazza però non era la sposa o, meglio, non era una sposa come tutte le altre: colui che Carmen stava per sposare era Dio e una vita dietro le mura di un convento di cluausura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> INCREDIBILE: suora ruba bibite al supermercato

Diventare suora di clausura

suora di clausura
Foto da Facebook @arcidiocesitrani

Durante il rito andato in scena alcuni giorni fa a Barletta (per la precisione il 27 aprile), Carmen D’Agostino è diventata suor Maria Vittoria.

Le immagini della vestizione con l’abito benedettino hano reso popolare non solo la 27enne di origini lucane ma anche un rito oramai sempre più raro e praticamente sconosciuto. Dopo l’ingresso della giovane futura suora di clausura in chiesa, alla presenza del vescovo Leonardo D’Ascenzo, una delle monache di clausura del monastero benedettino di San Ruggero l’ha aiutato a togliera l’abito da sposa per vestire quello monastico, per poi sentirla pronunciare i voti dinnanzi a amici, parenti e future sorelle.

Qui sotto potete rivivere la cerimonia attraverso alcune delle immagini postate sulla pagina Facebook dall’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e condivise poi a oltre 11mila utenti. Anche i commenti sono s tati numerosi, divisi tra coloro che lodavano la scelta senza dubbio importante e rara presa dalla givane neo suora di clausura e chi invece la avversava, bollando la cosa come antiquata e addirittura anacronistica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Marche: suora partorisce in ospedale

A prescindere da come la si pensi si tratta senza dubbio di immagini assai intense, capaci di raccontare un rito antico e affascinante che, ammettiamolo, pensavamo quasi dimenticato. Vi invitiamo a rivederle assieme a noi.