Home Attualità

Skipper italiano disperso, trovati i resti della barca?

CONDIVIDI

Skipper italiano disperso, trovati i resti della barca?Continuano le ricerche dello skipper italiano disperso nell’oceano Atlantico. Oggi i soccorsi hanno trovato i resti di un’imbarcazione che potrebbe essere quella di Aldo Revello, ma non vi è ancora la certezza.

Era la notte tra l’1 ed il 2 maggio quando Aldo Revello, skipper italiano di 53 anni, ha mandato alla moglie Rosa Cilano il diario di bordo con il tragitto, poi più nulla. L’ultima posizione conosciuta della ‘Bright‘ (imbarcazione sulla quale stava viaggiando) è Sao Miguel nelle isole Azzorre. Qualche ora dopo il Centro di Coordinamento di Soccorso portoghese ha ricevuto una richiesta d’aiuto proveniente proprio dall’imbarcazione dello skipper italiano e da quel momento le ricerche sono continuate senza sosta. Ieri sono stati trovati dei pezzi di un’imbarcazione, compresi dei giubbotti di salvataggio, ma la Farnesina non ha ancora dichiarato niente a riguardo e si spera che possano non appartenere a Revelli.

La vicenda e la speranza della moglie Rosa

Skipper italiano disperso, trovati i resti della barca?Secondo quanto raccontato dalla moglie di Aldo, Rosa, l’italiano era in compagnia di Antonio Voinea ed i due stavano facendo ritorno dalla Martinica. La donna spiega che i due erano partiti dai Caraibi lo scorso 7 aprile e che il 25 dello stesso mese avevano fatto tappa a Horta per poi ripartire 3 giorni dopo in direzione di Gibilterra. L’ultima posizione registrata è Sao Miguel, nelle Azzorre, lo scorso 2 maggio.

Tutto sembrava andare per il meglio, ma poi c’è stata la richiesta d’aiuto e non si è saputo più nulla. Parlando dell’accaduto la moglie di Aldo ha dichiarato: “Non so cosa sia successo. Non ci sono ipotesi finora o forse non me le hanno volute riferire. Aldo è uno skipper esperto, ha una lunga esperienza in mare, Antonio, il marinaio, oltre ad essere un collega è un amico di famiglia, mia figlia lo chiama zio”. Adesso si teme il peggio, ma la speranza che l’esperienza di Aldo sia stata sufficiente a salvare loro la vita è ancora viva.