Home Uomini

Cristiano Ronaldo: età, carriera, nazionalità, fidanzata e curiosità

CONDIVIDI

cristiano ronaldoCristiano Ronaldo rimane uno dei 3 giocatori più forti al mondo, forse il più forte in questo momento, scopriamo qualcosa sulla sua carriera e sulla sua vita privata.

Il fuoriclasse del Real Madrid non si stanca mai di stupire ed anche quest’anno ha trascinato la sua squadra fino alla finale di Champions League mettendo a referto 15 gol di cui 3 nella sfida contro la Juventus (strepitoso quello in rovesciata). Giunto alle 33 primavere, CR7 si è scrollato di dosso il ruolo di eterno secondo patito per anni per lo strapotere di Messi e punta dritto al sesto pallone d’oro della sua carriera, obbiettivo che se raggiunto gli consentirebbe di stabilire l’ennesimo record della sua inimitabile carriera. Ma campi di calcio a parte chi è Cristiano Ronaldo? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Cristiano Ronaldo: età, nazionalità e vita privata

Cristiano Ronaldo, vita privataNato a Funchal, Portogallo, il 5 febbraio del 1985, Cristiano Ronaldo si è distinto da sempre per una personalità in campo fuori dal comune. Destro naturale, nasce come giocatore di fascia destra, tra le sue principali caratteristiche ci sono una tecnica sublime ed una facilità di dribbling che ricordano quelle del suo omonimo brasiliano. Nel corso della carriera l’asso portoghese ha cambiato posizione preferendo partire da sinistra per potersi accentrare ed esplodere il suo destro fulminante. Abnegazione, forza fisica e senso del gol sono gli aspetti che lo hanno trasformato nel più grande realizzatore dell’era moderna e che gli permettono ancora adesso di essere determinante nonostante una minore partecipazione nella costruzione della manovra.

Fuori dal campo il portoghese si distingue per le sue storie d’amore con alcune delle donne più belle al mondo. La sua relazione più lunga rimane quella con la splendida modella russa Irina Shyak. Dopo la separazione la bella Irina lo ha accusato di essere infedele, ma Ronaldo non ha replicato alle accuse della ex compagna. Per anni ci sono state voci riguardanti la sua presunta omosessualità, spinte dalla decisione di avere figli attraverso la maternità surrogato. Anche in questo caso il portoghese ha evitato di commentare le voci ed ha risposto con i fatti quando la sua attuale compagna Georgina Rodriguez è rimasta incinta. Amore a parte, la vita privata è in questo momento funestata dai guai con il fisco spagnolo, Ronaldo infatti è sotto processo per evasione fiscale.

Cristiano Ronaldo: dagli esordi allo Sporting alla consacrazione al Real

Cresciuto nella cantera dello Sporting Lisbona, Cristiano esordisce nel terzo turno preliminare di Champions League contro l’Inter. Sin dai primi scampoli di partita si capisce che ci si trova di fronte ad un potenziale fuoriclasse e bastano 25 presenze nel campionato portoghese per convincere Sir Alex Ferguson a metterlo sotto contratto per il Manchester United. Il primo periodo in Inghilterra è duro, Ronaldo è dotato di tecnica immensa ma si perde ancora in giocate fini a se stesse ed in molti cominciano a pensare che si tratti di un flop.

La svolta avviene nel campionato 2006-2007 (anno in cui vince la prima Premier League), grazie ai consigli ed alla guida di Ferguson Ronaldo modifica la sua posizione in campo ed il modo di giocare, diventando molto più concreto sotto porta e ponendosi all’attenzione dei più come uno dei migliori giocatori nel panorama mondiale. L’anno successivo è quello dell’esplosione, CR7 trascina il Manchester United in Premier League ed in Champions segnando 42 reti in 49 partite condite da prestazioni da fuoriclasse che gli permettono di vincere il pallone d’oro. L’ascesa nell’olimpo del calcio sembra inarrestabile, ma nei 4 anni successivi (1 al Manchester e 3 al Real Madrid) il fenomeno di Funchal si deve arrendere ad un altro astro nascente, Lionel Messi.

Il 2013 è l’anno della rivincita, il Real Madrid guidato da Ancelotti vince l’agognata decima e Ronaldo viene eletto per la seconda volta miglior calciatore del mondo, premio che gli viene assegnato altre 3 volte, nel 2014, 2016 e 2017. In questi anni il fuoriclasse portoghese fa segnare record su record e accresce il suo sconfinato palmares riuscendo persino a portare il Portogallo alla vittoria nell’Europeo del 2016.