Home Psiche

Come scoprire se una persona mente? Ce lo svela un agento FBI

CONDIVIDI
scoprire menzogna
istock Photo

Un agente FBI ha svelato sei metodi infallibili per capire se chi abbiamo davanti ci sta mentendo.

Menzogna, un vero e proprio nemico sempre in agguato. Tutti abbiamo paura che la persona che ci troviamo davanti possa peccare di sincerità e tutti vorremmo avere la capacità di smascherare la bugia all’istante, prima ancora che possa ferirci o fare danni.

In una simile arte c’è chi è divenuto un vero e proprioe sperto: sono gli agenti della polizia federale statunitense, persone che con la menzogna devono confrontarsi quotidianamente e, soprattutto, d evono rapidamente imparare a riconoscerla.

Le tecniche da loro usate a tale scopo si basano per lo più su un’attenta osservazione della mimica facciale, dei movimenti e delle reazioni del volto.

Ci sono infatti piccoli gesti involontari e quasi impercettibili che compiamo quando ci accingiamo a mentire: compito dell’agente FBI è individuarli all’istante. Alcunis ono assai complessi da notarsi ma altripotrebbero essere alla portante anche di noi comuni mortali.

Mark Bouton, per trent’anni agente dell’FBI, li ha raccolti in un libro così da insegnarceli al meglio e trasformarci in vere e proprie macchine della verità ambulanti.

6 metodi firmati FBI per capire quando una persona mente

scoprire menzogna
iStock photo

Ecco i 5 segnali base da individuare per riconoscere un bugiardo in azione.

1 – Occhi – è il primo dettaglio a cui prestare grande attenzione: un rapido movimento da destra verso sinistra potrebbe esser indice di imbarazzo, e che cosa può imbarazzare più di una bugia bella e buona? Anche il movimento delle palpebre è in questo caso rivelatore: solitamente compiamo circa 5-6 battiti al minuto ma sotto lo stress di una bugia il ritmo aumenta.

2 – Immaginazione – sapevate che quando la nostra mente si sforza di dar vita a qualche cosa di puramente inventato tendiamo a spostare il nostro sguardo verso destra e verso l’alto? Se quindi la persona che avete davanti guarda in alto a destra può voler dire che sta inventando di sana pianta.

3 – Mimica – studiare come si muove e le espressioni che caratterizzano una persona durante un normale colloquio può esser rivelatore. Notate cambiamenti quando gli argomenti toccati si fanno spinosi? Spesso chi si accinge a mentire inizia ad esempio a toccarsi la faccia, come se la bugia creasse prurito.

4 – Falsi sorrisi – quando abboziamo un sorriso per pura circostanza la pelle intorno ai nostri occhi non subisce variazioni e rimane distesa, come se il riso non coinvolgesse il volto nella sua interezza. Fateci caso!

5 – Contrarre le labbra -pare esser un altro segnale assaichiaro di “balla in arrivo”!