Home Pelle

Depilazione inguine: ceretta o rasoio? Totale sì o no? Le vere risposte

CONDIVIDI
depilazione inguine
iStock Photo

Depilazione inguine, una questione delicata per noi donne combattute tra estetica, dolore e salute ma anche tra diverse tecniche. Proviamo a capire meglio.

All’americana, alla brasiliana, totale o, per le più anticonformiste, “nature”. La depilazione inguine è un argomento mai passato di moda nell’universo femminile, una sorta di evergreen che pone interrogativi a non finire e che, stagione dopo stagione, ci invita a vagliare opportunità più o meno glamour e tecniche più o meno innovative.

Con l’avvicinarsi dell’estate torniamo allora ad affrontare la spinosa questione: come depilare la zona bikini? Depilazione totale sì o depilazione totale no? E, soprattutto, quale tecnica preferire tra ceretta, rasoio e l’innovativo laser? Insomma, proviamo a fare chiarezza su un universo tutto da esplorare: la depilazione inguine.

Depilazione inguine totale

depilazione inguine
iStock Photo

Partiamo innanzi tutto da un presupposto: la depilazione inguine totale non ha alcuna funzione. Quando discutiamo di tale argomento perciò si tratta esclusivamente della dissertazione attorno a una scelta meramente estetica: ci piace o no una zona bikini totalmente liscia?

La cosa, osservata da un punto di vista salutistico\sceintifico, potrebbe in realtà avere più contro che pro: lungi da noi il demonizzare la depilazione integrale ma occorre pur sempre ricordare che i peli pubici svolgono per il nostro corpo una funzione protettiva. Il loro scopo è infatti quello di creare una barriera che impedisce a virus e batteri di accedere ai genitali con facilità.

Numerosi studi hanno evidenziato come la depilazione inguine totale contribuisca ad accelerare la proliferazione dei batteri, complice la micidiale combo tra mancanza di protezione, calore e umidità dell’area genitale. A ciò si aggiungano poi le microferite e microtraumi causati dalla depilazione, che espongono maggiormente la zona genitale all’azione di questi virus.

Se per avvalorare poi la vostra voglia di eliminare ogni pelo dalle zone più intime vi voleste aggrappare alla tesi per cui sono loro i colpevoli di alcuni cattivi odori sappiate che vi sbagliate di grosso: i peli, al contrario, trattengono gli odori derivati dai feromoni, i quali però non hanno nulla a che vedere con gli odori spiacevoli, al contrario, stimolano ormonalmente l’interesse sessuale altrui.

Abbiamo comunque fatto riferimento solo a piccole problematiche che non costituiscono veto assoluto per la depilazione inguine totale, la quale è proibita in realtà solo se si soffre di disturbi come eczemi, psoriasi o follicoliti, che potrebbero essere aggravati dalla totale rimozione dei peli.

Qualora però tali problematiche non vi rguardassero e volestre provare l’effetto “liscio completo” ecco alcuni suggerimenti:

  • Evitare scrub qualora abbiate optato per la classica certetta
  • Esfoliare qualora preferiate rasoio, crema o epilatore elettrico così da evitare fastidiosi peli incarniti
  • Preferire slip in cotone piuttosto che in tessuti sintetici così che sia un capo traspirante
  • Il giorno della depilazione evitare capi troppo stretti e sceglier se possibile una gonna
  • Usare una crema idratante e lenitiva dopo la depilazione così da evitare la formazione di arrossamenti e irritazioni, oltre a dare un immediato sollievo

Depilazione inguine brasiliana

depilazione inguine
Foto da Pinterest

Per molti è sinonimo di eliminazione integrale dei peli anche se, la vera ceretta brasiliana prevede in realtà di lasciare un solo minuscolo triangolo sul pube.

A contraddistinguere tale depilazione è nella versione più classica anche la tecnica utilizzata. In molti la realizzano infatti con rasoi, silk epil o classica cera ma l’autentica ceretta brasiliana si esegue con un impasto di zucchero, acqua e limone, rigorosamente da lavorare con le sole mani e da stendere poi in generose quantità sull’area da trettare, tirando poi via con delicatezza.

Il risultato sarà ben più delicato di una classica cera ma anche più efficace, riuscendo a estirpare anche la peluria più corta e sottile. Naturalmente non tutti i centri estetici garantiscono tale trattamento: per provarlo dunque meglio informarsi bene e per tempo.

Depilazione inguine rasoio

depilazione inguine
iStock Photo

Per chi teme il dolore e preferisce un procedimento rapido fai da te il rasoio rimane un’opzione ever green.

L’inconveniente certo sta nella rapida ricrescita e in un pelo che uscirà sempre più fortificato, depilazione dopo depilazione. Ciò accresce il rischio di peli incarniti, senza contare poi i microtraumi che le lame causano alla pele, poco adatti a una zona delicata come l’inguine.

Se comunque proprio non potete fare a meno di questo strumento vi consigliamo di evitare la variante elettrica, poco adatta a zone così ricche di ghiandole e preferire invece il classico rasoio manuale, da usare solo avendo insaponato più che bene la zona così da ridurre al minimo il rischio tagli.

Depilazione inguine crema

depilazione inguine
iStock Photo

Altro metodo all’insegna dello zero dolore ma, certo, non della rapidità. I tempi di posa affinché la crema agisca sono infatti un po’ noiosi ma ciò non toglie che venga garantito un risultato assai preciso, duraturo poco più di quello del classico rasoio.

Un piccolo accorgimento risulta però indispensabile: ricordate che per fare il suo lavoro (bruciare il pelo e farlo cadere) le creme depilatorie contengono numerosi agenti chimici la qual cosa le rende poco adeguate a depilazioni più profonde. Se la vostra depilazione inguinale è dunque molto profonda o, addirittura, integrale si tratta di un metodo decisamente sconsigliato.

Depilazione inguine forme

depilazione inguine
iStock Photo

Prima doverosa precisazione: non tutti i centri offrono tutte le opzioni. Informarsi bene prima di prendere appuntamento è dunque d’obbligo, soprattutto se desiderate risultati particolari o, addirittura, totali. L’alternativa è altrimenti il classico “chi fa da sé fa per tre” nel qual caso però, vi avvisiamo, occorrerà una buona dose di manualità ed esperienza.

Detto ciò le due opzioni base da tenere presenti sono i due antipodi: la ceretta Hollywood, detta anche “full brazilian“, in cui sia nella parte anteriore che posteriore viene eliminata ogni traccia di pelo; oppure la ceretta bikini, la più classica in cui vengono eliminati i soli peli ai lati del pube limitandosi poi ad accorciare le rimanenze con delle forbicine, così da dare al tutto un aspetto ben curato. In mezzo, ovviamente, una sterminata serie di opportunità. Vi elenchiamo le principali:

il “Full Bikini” – Una versione più estesa della bikini classica in cui i peli rimanenti sul pube vengono ridotti a un piccolo rettandolo ben più stretto rispetto al limite naturale della peluria, sia lateralmente sia sul margine superiore.

French Wax, la ceretta alla francese – e’ quella che un tempo veniva consigliata da Playboy, dal cipiglio naturalmente seducente. Come peli residui avremo solo una striscia versione mini centrale, non più grande di un paio di centimetri. Ideale per chi vuole sentirsi liscia ma non completamente “nuda”. E’ proprio la French Wax a mettere a disposizione di noi donne le opzioni più creative: al posto del triangolo si potrà infatti chiedere all’estetista di realizzare altre forme, come un triangolo rovesciato, un francobollo o addirittura un cuoricino.

Ceretta brasiliana – Anche qui a rimanere è solo un minuscolo triangolo sul pube ma, a differenza della variante francese, ogni altro pelo sarà estirpato dalla zona genitale.

Depilazione inguine fai da te

depilazione inguine
iStock Photo

Crema, rasoio e ceretta sono le opzioni che si presentano a chi opta per la depilazione inguine fai da te. Paradossalmente proprio la ceretta sarebbe in teoria la tecnica migliore, quella che evita follicolite, problemi per il ph della pelle e peli incarniti.

Calcolando la delicatezza della zona un pizzico di attenzione extra appare obbligatoria.

In tutti i casi dunque prendetevi i giusti tempi, siate meticolose così da non dover ripassare più volte sullo stesso punto e seguite scrupolosamente le indicazioni del caso, applicando abbondanti creme lenitive dopo il trattamento e preparando la pelle con accurati lavaggi, accorciando anche i peli qualora fossero troppo lunghi.

Uno specchio per poter vedere bene la zona da trattare risulterà indispensabile e, qualora voleste optare per la variante integrale, riflettete seriamente sul’opportunità di rivolgervi a un esperto: il fai da te va bene ma accettare i propri limiti è obbligatorio.

Depilazione inguine laser

depilazione inguine
iStock Photo

Se si pensa alla depilazione laser la prima zona che si vorrebbe trattare è senza dubbio proprio l’inguine, l’area più dolorosa da depilare con la ceretta e quella dalla quale, sin dalla notte dei tempi, coltiviamo il sogno di far sparire i peli per sempre.

La particolare chiarezza della pelle in questa zona è del resto un ottimo punto di partenza affinchè il laser funzioni: ricordiamo infatti che esso è stato studiato per leggere le sole parti scure, il pelo per l’appunto, cosa che riesce assai bene quando lo stacco dal colore dell’incarnato è particolarmente netto.

Proprio per tale motivo i risultati qui non tarderanno a farsi vedere e già dopo circa 6 sedute l’operazione potrebbe dirsi conclusa.

Diverso è però il discorso quando si parla di depilazione inguine integrale: la zona delle grandi labbra ha infatti una ricrescita particolare dei peli, per così dire “instancabile”. Eliminarli dunque per sempre da lì risulta quasi una “mition impossible”. Qualche ritocco futuro, anche a suon di lametta o ceretta, potrebbe dunque rivelarsi indispensabile.