Home Pelle

Depilazione brasiliana, ceretta totale all’inguine: di cosa si tratta?

CONDIVIDI
depilazione brasiliana
iStock Photo

Tutti i segreti della depilazione brasiliana, una moda che dal Sud America ha oramai spopolato in tutto il Pianeta e che invita noi signore a eliminare totalmente i peli dalla zona inguine e non solo.

Un po’ ci spaventa, un po’ ci affascina. L’idea di dare un aspetto totalmente liscio e privo di peli alle nostre parti più intime è qualche cosa a cui negli ultimi anni ci stiamo sempre più abituando. La moda proviene direttamente dal Sud America e, proprio per questo, prende il nome di depilazione brasiliana, appellativo che identifica oramai per tutto il mondo la depilazione inguine integrale ma anche una particolare tecnica per la rimozione dei peli superflui.

In molti credono si tratti di una scelta femminile fatta esclusivamente a scopo di seduzione ma per noi donne il totale addio ai peli può esser anche un qualcosa di molto comodo. La sensazione di freschezza e pulizia è in effetti indiscutibile, senza contare poi il vantaggio di poter indossare ogni genere di costume e di intimo senza temere la fuoriuscita di antiestetici e imbarazzanti peli.

Che dire però del dolore? Già la ceretta all’inguine, o qualisaisi genere di epilazione in quella particolare zona, risulta assai dolorosa, figuriamoci poi l’idea di estenderla anche alle grandi labbra e, in generale, all’interezza dell’area in questione. In realtà però tale problematica potrebbe essere risolta grazie all’utilizzo dei giusti strumenti per l’epilazione. La classica depilazione brasiliana prevede infatti l’utilizzo di una particolare cera che poi cera non è: si tratta di una pasta di zucchero caratterizzata unicamente da una miscela di zucchero, acqua e limone, ingredienti che rendono il preparato del tutto simile ad una resina. Tale impasto si utilizza a temperatura ambiente eliminado così il fastidio della cera calda su una zona particolarmente sensibile come quella bikini e garantendo un’epilazione indolore ma che permetterà di estirpare anche i peli più piccoli e sottili.

Ovviamente l’epilazione totale si può svolgere anche con altri strumenti come il laser o la loce pulsata, ottenendo così risultati ancor più longevi e con un dolore alquanto sopportabile.

Solo pro dunque per l’epilazione brasiliana? A quanto pare no: qualcuno continua infatti ad avversare tale pratica. Sarà dunque il caso di capire meglio tutte le sfaccettature di questa tecnica sempre più apprezzata, scoprendo se la depilazione brasiliana fa o no al caso nostro.

Depilazione brasiliana totale

depilazione brasiliana
iStock Photo

La depilazione brasiliana non nasce propriamente in sud America. La sua ascesa è infatti legata a un famoso centro estetico di Manhattan, per la precisione nella SPA J. Sisters International, gestita dalle sorelle Padilha di origine ovviamente brasiliana. Costoro iniziarono nel 1987 a proporre alle loro clienti una ceretta particolare: niente cera a caldo o a freddo, né strisce in “tessuto – non tessuto”, ma solo una impasto modellato e ammorbidito col calore delle mani e ripartito in quantità sufficiente a creare uno strato sottile che inglobi i peli nella totalità zona da trattare. Nessuno strappo poi per eliminarei peli superflui ma un semplice “tiraggio” della pasta tenendo ben tesa la cute in modo da ridurre al minimo qualsiasi sensazione dolorosa e limitare il più possibilel’insorgere di futuri rossori.

La cosa risultava così particolare da incuriosire anche la stampa che così diede und ecisivo contributo alla crescita di popolarità della ceretta brasiliana che, in breve tempo, conquistò le star e non solo.

La tecnica può essere utilizzata in ogni zona del corpo ma risultò sin dai suoi albori particolarmente adatta per trattare le zone più delicate, l’inguine per eccellenza, tenendo soprattutto conto della sua maggior delicatezza rispetto a una classica cera e della riduzione al limite di tutti gli inconvenienti ad essa correlati.

Solo vantaggi dunque? Be’ se parliamo della ceretta brasiliana , escludendo un dolore leggermente superiore durante le primisisme sedute e un minimo di arrossamento comunque presente, i pro sembrano superare i contro. Diverso è se parliamo di depilazione brasiliana, ovvero dell’idea di eliminare tutti i peli o quasi dalla zona pubica. Se è infatti vero che sono state ideate apposite tecniche per rendere questa pratica quanto più possibile rispettosa della delicatezza dell’area trattata (appunto la ceretta brasiliana per esempio) è altrettanto vero che i peli che si vanno a eliminare non sono certo paragonabili a quelli di braccia o gambe. I peli pubici hanno infatti l’apposita funzione di impedire a virus e batteri di accedere ai genitali con facilità, senza contare poi che le piccole escoriazioni inevitabilmente causate dalla depilaizone rischiano di favorire l’insorgere di infezioni. Sebbene dunque la depilaizone brasiliana non vada demonizzata è innegabile che a ginecologi & Co. la cosa piaccia assai poco.

Non volete comunque rinunciare all’effetto liscio totale? Allora non vi resta che scegliere tra le tecniche fai da te e quelle professionali.

Depilazione brasiliana fai da te

depilazione brasiliana
iStock Photo

C’è chi teme troppo il dolore e quindi, per una depilazione brasiliana fai da te, ricorre esclusivamente a creme depilatorie e rasoio. L’inconveniente è ahimè che i ritocchi andranno fatti più o meno ogni due giorni e su peli sempre più robusti.

La ceretta allora rimane l’alternativa fai da te migliore per depilare integralmente, o quasi, l’inguine. Il consiglio è di procedere prima un lavaggio con acqua calda, perfetto per aprire i pori e alleviare il dolore che, comunque, vi avvisiamo ci sarà. Purtroppo preparare in casa l’impasto della ceretta brasiliana è quasi impossibile a meno di ricorrere ad appositi preparati preconfezionati: la soluzione più immediata ed economica restano dunque le care vecchie strisce e la classica cera a caldo. Munitevi allora di uno specchio, che vi permetta di vedere bene la zona, scaldate a dovere la cera e procedete per piccoli strappi: limitando le zone vi garantirete meno dolore, maggior precisione ed eviterete il fastidio di dover più volte passare sulla medesima zona.

Dopo creme sfiammanti e lenitive a volontà!

Depilazione brasiliana come si fa?

depilazione brasiliana
iStock Photo

La depilazione brasiliana consiste nella depilazione integrale dell’inguine: l’idea classica vuole che si lasci un minuscolo triangolo proprio sopra il pube ma c’è anche chi preferisce forme più creative, con evidente scopo seduttivo, o chi, levare per levare, opta per il liscio totale.

L’obbiettivo può oggi esser raggiunto con diverse tecniche: laser e luce pulsata sono al momento il pole position ma c’è anche chi, incurante del dolore, opta per classica cera o silk epil.

C’è poi la ceretta brasiliana, un mix di acqua, limone e zucchero (a cui oggi si aggiungono anche sostanze sfiammanti come l’ossido di zinco) che sembra garantire risultati eccellenti con il minimo dolore e rossori successivi quasi annullati. A un costo di circa 20 euro vengono infatti assicurati risultati duraturi (oltre il mese) e un effetto liscio impeccabile.

A prescindere dalla tecnica scelta ciò che si consiglia è di esser regolari nel trattamento, così da diminuire di volta in volta il dolore e garantire un finish quanto più possibile duraturo, rivolgersi se possibile a degli esperti, pulire e disinfettare bene la zona prima e dopo il trattamento e, ovviamente, evitare di esporsi al sole nei giorni immediatamente successivi la depilazione, quando dovrete aver molta cura dell’igine della zona e lenirla con appositi prodotti.

A voi ora la scelta: depilazione brasiliana sì o depilazione brasiliana no?