Home Attualità

Choc a Milano, ritrovato cadavere irriconoscibile: “Scomparso nel 1991”

CONDIVIDI
scheletro milano
(CC-BY-SA-4.0)

Choc a Milano, ritrovato da una clochard un cadavere irriconoscibile: “Appartiene a un uomo scomparso nel 1991”.

Ancora un caso di cronaca inquietante che arriva dalla Lombardia e che ha sconvolto la città di Milano. Uno scheletro è stato trovato all’interno di un ex deposito ferroviario tra viale Lunigiana e via Sammartini, a Milano. Il corpo è totalmente decomposto, dunque il riconoscimento è praticamente impossibile, anche se a fare luce sul mistero c’è il documento ritrovato affianco al cadavere, appartenente a un uomo scomparso nel 1991.

Leggi anche –> Brescia, muore dopo la liposuzione: i rischi e cosa è accaduto

Il ritrovamento del cadavere in un deposito ferroviario a Milano

A fare il macabro ritrovamento è stata una donna, una clochard che bivaccava nella zona in cerca di un giaciglio. I resti del corpo si trovavano in un punto isolato dell’ex deposito ma facilmente raggiungibile dagli altri senzatetto. Da quanto si apprende, erano disassemblati poiché contaminati da animali e nelle vicinanze c’erano tracce di un principio di incendio. Difficile stabilire cosa sia accaduto, intanto si apprende che il documento di identità apparterrebbe a un uomo di 75 anni affetto da problemi psichici, originario di Enna. Al momento della scomparsa, l’uomo era comunque residente da diverso tempo a Milano.

Tutta l’area è ricoperta di uno spesso strato di polvere, smog e muffe. Questo rende molto più complessi gli esami portati avanti dalla Polizia Scientifica. Sul posto, la nota consulente anatomopatologa Cristina Cattaneo, con una lunga esperienza alle spalle, a partire dal caso di Yara Gambirasio. Non sembrano mancare parti dello scheletro del cadavere ritrovato, né risultano segni di violenza. Insomma, stando a quando sostengono gli inquirenti, la morte è avvenuta per cause naturali. Resta però da capire se – qualora si trattasse del 75enne scomparsa – il decesso risale davvero al 1991 o se sia successivo e in ogni caso come sia stato possibile che quello scheletro sia rimasto per tutti questi anni lì senza che nessuno lo notasse.

A chi appartiene lo scheletro trovato oggi a Milano?

Il ritrovamento dello scheletro è avvenuto intorno alle sette del mattino: gli investigatori hanno ricostruito che il documento d’identità affianco al cadavere, come detto, appartiene a un uomo del quale non si hanno più notizie dal 1991. Di lui si era già occupata la trasmissione Chi l’ha visto? nel 2009. Ma il cadavere appartiene davvero al 75enne di Gela? Difficile da dirsi, poiché il ritrovamento è avvenuto appena nove ore fa e gli accertamenti sono ancora nella prima fase, ma potrebbe esserci una buona probabilità che si tratti proprio dell’uomo scomparso 27 anni fa.

A cura di Gabriele Mastroleo