Home Attualità

Isabella Biagini è morta: l’attrice si è spenta a 74 anni

CONDIVIDI

isabella biagini

Isabella Biagini è morta: l’attrice si è spenta a 74 anni dopo gli ultimi anni vissuti con tanta sofferenza. Le sue ultime apparizioni a Domenica Live di Barbara D’Urso.

A 74 anni, è morta Isabella Biagini all’anagrafe Concetta Biagini. L’attrice si è spenta questa mattina alle 8.52 nella clinica romana “Antea Hospice” al Santa Maria della Pietà, dove era ricoverata da un mese dopo un’ischemia che l’aveva colpita lo scorso novembre. Le sue ultime apparizioni televisive sono avvenute all’interno della trasmissione di Barbara D’Urso, Domenica Live. L’attrice, negli ultimi anni, aveva affrontato molte sofferenze.

Isabella Biagini è morta: le sue ultime dichiarazioni in tv

isabella biagini

“Avevo comprato una casa per mia figlia Monica. Quando è morta sono entrata in depressione. Io non volevo, l’aveva scelta Monica, ma mi hanno convinto a venderla. Il mio fratellastro e sua moglie mi dissero “vieni a vivere in villa con me”. Siamo andati dal notaio che ha destinayo a me i circa 400mila euro della vendita. Mentre stavano uscendo mio fratello mi ha presto l’agenda. La mattina dopo mi ha portato in banca e si è messo d’accordo con un suo amico, mi hanno fatto fare degli assegni intestati a lui. e io intanto sono rimasta in un alloggio che ora mi vogliono togliere, senza nemmeno i soldi per le medicine. Mi aiuta la Caritas che mi porta da mangiare”: sono state quelle le parole che Isabella Biagini ha detto a Barbara D’Urso in una delle puntate di Domenica Live. Isabella Biagini ha vissuto con un grande senso di colpa per non essere riuscita a salvare la figlia Monica, morta nel 1998.

Isabella Biagini è morta: la carriera

isabella biagini

Isabella Biagini ha esordito nel 1955 con una piccola parte nel film Le amiche di Michelangelo Antonioni. Conquista il grande successo con la televisione partecipando a tanti varietà degli anni Sessanta e Settanta. E’ stata protagonista di tante commedie come Amore all’italiana di Steno, Boccaccio di Bruno Corbucci, e commedie musicali da Non cantare, spara (1968) con il Quartetto Cetra, Bambole, non c’è una lira (1978) e C’era una volta Roma (1979). Bellissima e simpatica, è stata una vera diva.