Home Attualità

Juve grande rimonta e rabbia: “Il rigore? Con il Real è sempre così”

CONDIVIDI

Juve grande rimonta e rabbia: "Il rigore? Con il Real è sempre così"

C’è molta rabbia tra i giocatori della Juventus dopo la partita di ieri al Bernbabeu. Il sogno della grande rimonta è stato interrotto a tempo scaduto da un rigore dubbio e Buffon, Allegri e Benatia accusano l’arbitro di non aver retto la pressione dell’incontro.

Per novanta, incredibili, minuti la Juventus ha coltivato il sogno di ripetere l’impresa della Roma contro il Barcellona e ci sarebbe pure riuscita se alla fine dei tempi regolamentari l’arbitro non avesse concesso un rigore quanto meno dubbio che solitamente, in una fase così delicata di una partita non sarebbe stato concesso. La squadra di Allegri esce dalla massima competizione europea a testa alta, concedendo la sensazione che se all’andata non avesse ceduto all’emozione dell’incontro e agli episodi sfavorevoli adesso staremmo a guardare un sorteggio che poteva regalare una semifinale tutta italiana.

La gara (rigore a parte) è stata decisa da una pessima prestazione all’andata, senza la quale oggi probabilmente parleremmo di un risultato diverso. I protagonisti della partita, però, non ci stanno e concordano nel dire che senza il rigore dubbio su Vasquez il Real Madrid non si sarebbe, probabilmente, qualificato.

Una prestazione da grande squadra macchiata da un singolo episodio

Juve grande rimonta e rabbia: "Il rigore? Con il Real è sempre così"Il più arrabbiato di tutti per la concessione del rigore a fine partita è stato Gianluigi Buffon, il portierone azzurro ha protestato con veemenza e si è fatto espellere dal direttore di gara. A fine gara la sua opinione non è cambiata e ribadisce che il rigore è stato generoso per il Real ed ingiusto per la Juve: “Era sicuramente una azione dubbia al 93′, dopo che all’andata non ci hanno dato un rigore al 95′. Un arbitro all’altezza non infrange il sogno di una squadra che ha messo tutto in campo per 90 minuti. Ha voluto fare il protagonista. Un essere umano non può fischiare un episodio stra-dubbio, dopo una gara del genere a meno che al posto del cuore non abbia un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità per stare a questi livelli, allora vai in tribuna con la famiglia, compra le patatine e goditi lo spettacolo”.

Anche il tecnico della Juve, Allegri, è concorde nel dire che il rigore non andava assegnato e lamenta la mancata concessione di un penalty nella gara d’andata a Torino: “Il rigore finale? È successo l’opposto di quanto successo all’andata su Cuadrado. Mi immaginavo che quell’episodio avrebbe cambiato la qualificazione. Queste cose pesano”. Il tecnico toscano è sicuro che i supplementari avrebbero sorriso alla sua squadra, anche perché aveva ancora a disposizione due cambi: “Ne avevamo ancora due a disposizione che nei supplementari avrebbero dato una mano importante”.

Anche Benatia, autore del presunto fallo su Vasquez, commenta l’episodio con l’amaro in bocca e precisa di non aver toccato l’avversario: “Rivedendo il contrasto, lui stoppa la palla e io gli giro intorno per evitare il tocco e lui cerca di cadere perché è l’unica cosa che poteva fare a quel punto. Non lo tocco, non lo spingo e prendo la palla con il sinistro. Fa male, abbiamo fatto una gara incredibile e sono orgoglioso di far parte di questo gruppo”, quindi alimenta il sospetto di favoritismi nei confronti del Real Madrid: “L’anno scorso è successo al Bayern di essere danneggiato dall’arbitro, quest’anno a noi e sembra che ogni anno sia la stessa cosa. Il Real è una grande squadra e non ha bisogno di queste cose”.