Home Attualità

Formula E a Roma: quando e dove, viabilità e biglietti, come vederla gratis

CONDIVIDI
formula e roma
(CC-BY-SA-3.0)

Sabato la Formula E farà tappa a Roma: scopri quando e dove, come cambia la viabilità e dove trovare i biglietti, infine come vederla gratis.

La Formula E, la serie automobilistica ideata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile nel 2012 e tutta dedicata alle auto con motore elettrico, farà tappa a Roma in questo fine settimana. L’appuntamento per gli appassionati e non solo è per sabato 14 aprile, con un tracciato di gara di 2,8 km per 19 giri, che si svilupperà tra via Cristoforo Colombo e il palazzo dei Congressi. Questo comporterà diversi disagi per gli automobilisti, quindi occorre fin da ora sapere come muoversi, onde evitare spiacevoli sorprese.

Modifiche alla viabilità per la Formula E: strade chiuse e percorsi alternativi

Il percorso della gara

I disagi per la circolazione inizieranno oggi e termineranno il 22 aprile, per l’allestimento, la gara e infine il ripristino delle normali condizioni di traffico. Dicevamo che già da oggi ci saranno difficoltà: dalle 20.30 del 12 alle 5.30 del 16 aprile, c’è il divieto di circolazione nell’area del circuito con chiusura di via Cristoforo Colombo, tra via Laurentina e via dell’Oceano Atlantico. Chiuso anche un pezzo del raccordo anulare vicino l’uscita con la via Pontina. Roma Mobilità ha messo a punto un piano viabilità per ridurre al minimo i disagi, a cui comunque gli automobilisti andranno incontro. L’invito è a utilizzare la Metro B, scendere a EUR Magliana, EUR Palasport o EUR Fermi in base alla propria destinazione e poi proseguire a piedi per circa 5 minuti. Per tutte le informazioni, Roma Mobilita ha messo online un piano molto dettagliato. Per chi è diretto verso il GRA, nei giorni della gara (13-14-15 aprile) il traffico è deviato verso via Laurentina (con svolta a sinistra da via Cristoforo Colombo) e verso il viadotto della Magliana/autostrada Roma-Fiumicino. Chi va in direzione centro troverà il traffico deviato verso viale Oceano Atlantico/via Laurentina. Chiuse al traffico privato, infine, viale Africa, nel tratto da viale dell’Arte a Via Cristoforo Colombo. L’eccezione vale invece per il trasporto pubblico, traffico locale e coloro che sono diretti verso aree interne. Rimane consentita la circolazione da via delle Ande in direzione di Viale dell’Arte. Domenica 15 aprile iniziano i lavori di disallestimento, che termineranno il 22 aprile.

Orari e biglietti Formula E a Roma

Per l’intera giornata di sabato si svolgerà la tappa romana della Formula E: alle 8 del mattino la prima prova libera, alle 10 ci sarà la seconda, mentre alle 12 ci saranno le qualifiche. La partenza della gara è prevista alle 16. Tutti i tagliandi per assistere alla tappa romana della Formula E sono terminati, tuttavia quasi certamente ne saranno emessi altri. Sarà davvero un’occasione unica per vedere una gara molto particolare e che sta suscitando curiosità e aspettative. Per chi volesse saperne di più ed eventualmente acquistare i nuovi tagliandi che verranno emessi, bisogna registrarsi con nome ed email nell’apposito form sul sito ufficiale. Qualora ci fossero nuovi biglietti, si verrà avvisati via email. Inoltre, i possessori di un biglietto per assistere alla Formula E a Roma avranno accesso gratuito al parco giochi Luneur Park per tutta la giornata di sabato 14 aprile 2018.

Formula E a Roma: come vederla gratis

Le qualifiche e la gara dell’E-Prix di Roma verranno trasmesse in diretta televisiva Mediaset sui canali Italia 1 e Italia 2. Dunque, appassionati e curiosi potranno vedere la gara comodamente seduti sulla poltrona di casa. Ma c’è un’altra possibilità: gli organizzatori hanno previsto diverse “zone prato”. Qui sarà possibile assistere alla gara seguendola sui maxi schermo, il tutto gratuitamente. I biglietti sono gratis: l’importante è registrarsi sul sito ufficiale della Formula E. Nella cartina che segue si possono vedere i prati all’interno dell’area E-Village da qui è possibile assistere alla gara attraverso i maxischermi.

A cura di Gabriele Mastroleo