Home Salute e Benessere

Gravidanza: i miti in cui ancora crediamo

CONDIVIDI

Ecco 13 miti popolari sulla gravidanza che sono stati tramandati di generazione in generazione.

La gravidanza è un periodo molto importante ed eccitante nella vita di una donna. Non c’è da meravigliarsi se un evento così unico sia circondato da molti pregiudizi e stereotipi.

1. Le donne incinte dovrebbero mangiare per 2

I nutrizionisti affermano che se una donna ha un peso sano, non ha bisogno di consumare calorie extra durante il primo trimestre. Gli specialisti consigliano di aggiungere ulteriori 340 calorie al giorno durante il secondo trimestre e circa 450 calorie durante il terzo. Queste calorie in eccesso dovrebbero provenire da latticini, noci o proteine ​​magre. Dunque le future mamme dovrebbero concentrarsi sul mangiare sano invece di mangiare di più.

2. La gravidanza rende stupide le donne

I cambiamenti nei livelli ormonali di solito rendono le donne più emotive e sensibili, ma durante la gravidanza, molte donne scoprono nuovi talenti e acquisiscono nuove abilità. Ad esempio, alcune di loro dipingono foto incredibili come Luo Qianxi, scrivono libri per bambini o addirittura iniziano un’attività in proprio.

Il cervello della donna durante la gravidanza sviluppa un attaccamento al bambino e alla futura madre. Pertanto, è più difficile per alcune donne fare più cose contemporaneamente e possono diventare più smemorate e distratte.

3.L’esame ecografico fa male al bambino

La maggior parte dei medici raccomanda alle donne che presentano un normale sviluppo fetale di sottoporsi a ecografia 3 volte durante la gravidanza, una in ciascun trimestre. Il check-up dovrebbe essere eseguito più spesso solo se esiste una possibile minaccia per la salute della madre o del bambino.

L’ecografia ad ultrasuoni utilizza onde sonore ad alta frequenza e, contrariamente all’immagine a raggi X, non c’è esposizione alle radiazioni ionizzanti. Grazie alle ecografie, i medici possono escludere la possibilità di una gravidanza ectopica, determinare possibili patologie del feto e aiutare la donna e il bambino in caso di problemi.

4. Una donna dovrebbe dare alla luce il suo primo figlio prima dei 30 anni

Se una donna di 30 anni si prende cura di se stessa, mangia cibo sano, fa abbastanza attività fisica e si sottopone a regolari controlli medici preventivi, il rischio di complicazioni durante la gravidanza non è più alto rispetto a una ventenne. Le patologie del feto e i problemi durante la gravidanza sono per lo più legati allo stato del corpo e non all’età biologica. I moderni metodi di diagnosi possono mostrare deviazioni nello sviluppo in tempi precoci, in modo che le donne possano pianificare una gravidanza quando sono realmente pronte a farlo, sia fisicamente che psicologicamente.

La maggior parte dei medici consiglia alle donne di avere il primo figlio tra 20-30 anni. In base ai risultati di una ricerca scientifica condotta dal Dott. John Mirwoski del Texas, l’età perfetta per la nascita di un bambino sano è 34 anni.

5. Tutte le donne hanno voglia cibi salati durante la gravidanza

Il corpo di una donna incinta tenta di suggerire che ha bisogno di alcuni nutrienti e minerali mancanti in un modo molto strano. Ad esempio, attraverso il desiderio improvviso di mangiare un pezzo di gesso o una manciata di cenere. Un altro motivo per le bizzarre predilezioni gastronomiche risiede nei cambiamenti ormonali, e a volte è solo il desiderio di regalarsi una piccola gratificazione culinaria

Le donne incinte possono desiderare non solo il cibo salato ma anche quello dolce, il cioccolato è ancora il prodotto numero uno nella lista del cibo più desiderato.

6. Solo pace e tranquillità durante i 9 mesi

Se una donna non ha problemi di salute durante la gravidanza, l’esercizio fisico regolare è essenziale per una futura madre. Lo sport non solo aiuta a mantenersi in forma ma è anche utile per lo sviluppo del feto e può facilitare il processo del parto. La natura si prende cura di tutto e questo è il motivo per cui i muscoli e i tendini di una donna diventano più elastici e più forti durante la gravidanza. Ecco quali sono gli sport che si possono praticare con il pancione.

Tieni presente che dovresti sempre consultare un medico e un istruttore esperto di fitness per quanto riguarda l’intensità dei tuoi allenamenti.

7. Il sesso durante la gravidanza può danneggiare il bambino

Il pericolo del sesso durante la gravidanza è probabilmente uno dei miti più diffusi. Molti credono che il sesso è dannoso per il bambino, spiacevole per la madre e persino immorale. Se una donna non prova alcun disagio, l’attività sessuale non arrecherà alcun danno. Al contrario, il rapporto sessuale regolare è benefico per la salute, in quanto non solo aiuta a rafforzare i muscoli pelvici, ma fornisce anche emozioni positive alla futura madre. E lo stato emotivo di una donna durante questo periodo è estremamente importante.

8. Le donne incinte non devono tingersi i capelli o le unghie

Il segreto per apparire favolosa durante la gravidanza è prestare maggiore attenzione alla composizione dei prodotti cosmetici. Le donne incinte dovrebbero evitare componenti come il toluene, la formaldeide, la canfora, l’ammoniaca o il resorcinolo e attendere fino alla nascita del bambino prima di iniziare ad usarli di nuovo nella loro routine di bellezza.

I moderni prodotti cosmetici di alta qualità non contengono elementi pericolosi, quindi possono essere utilizzati durante la gravidanza.

9. Il consumo di pesce e noci influenza notevolmente l’intelligenza di un bambino

Le proprietà salutistiche di questi prodotti non possono essere negate. Le noci sono ricche di potassio e magnesio, quindi rafforzano i vasi sanguigni e il cuore e hanno un effetto benefico sul sistema nervoso. Lo iodio nel pesce fa bene alla tiroide. Pertanto, la futura madre dovrebbe aggiungere questi prodotti alla sua dieta.

Sia il pesce che le noci contengono acidi grassi omega-3, che aiutano a mantenere la salute del cervello. Tuttavia, la loro influenza sullo sviluppo delle capacità mentali del futuro bambino non è stata scientificamente dimostrata.

10. Lo stress è estremamente pericoloso per una donna incinta

Lo stress costante non è vantaggioso per nessuno. Ma a volte tutti noi ci troviamo in situazioni stressanti e questo è del tutto normale. E’ l’ atteggiamento verso lo stress che fa davvero la differenza.

L’ansia costante e la preoccupazione per la sofferenza del bambino è molto peggio di una breve crisi emotiva. Non lasciare che un piccolo problema rovini il tuo umore.

11. La crema contro le smagliature è un must.

Le creme contro le smagliature sono spesso considerate una sorta di strumento magico e un modo efficace per risolvere tutti i problemi della pelle legati alla gravidanza. Ma vale la pena ricordare che la composizione non è molto diversa dalla lozione idratante. Naturalmente, l’uso di un prodotto di questo tipo può rendere la pelle più elastica e liscia, ma non può rimuovere tutte le smagliature.

Non dovresti sottovalutare il fattore genetico, così come il tipo di pelle. Parla con tua mamma, zia o nonna e scopri le condizioni della loro pelle dopo la gravidanza. Molto probabilmente, la stessa cosa spetta anche a te.

12. Il consumo di acqua dovrebbe essere ridotto durante il terzo trimestre

In passato, alle donne incinte è stato consigliato di bere meno liquidi durante il terzo trimestre per evitare il gonfiore. Gli autori del libro best-seller What to Expect When You’re Expecting, Cosa aspettarsi quando si aspetta,  insieme con gli scienziati hanno dimostrato che il gonfiore non è correlato al consumo di acqua. Al contrario, una quantità sufficiente di acqua aiuta a gestire questi problemi. Inoltre bere tanta acqua è il miglior rimedio contro i primi caldi.

Ecco un semplicissimo test da fare per capire se si consuma abbastanza acqua in gravidanza.

13. La tua vita sarà la stessa dopo la nascita del bambino.

Ci sono molti modi per rendere più semplici i primi anni della tua vita di mamma, ma è importante tenere presente che il tuo vecchio stile di vita cambierà sicuramente. Non andrà meglio o peggio; sarà solo diverso.

Sì, puoi tornare al lavoro durante il primo mese di vita del tuo bambino o puoi andare in vacanza insieme a lui. Ma sarà necessario mettere al primo posto i bisogni del bambino e tenerne conto prima di pianificare qualunque cosa.

Potrebbe interessarti anche—>Gravidanza: Cantare al pancione farà piangere di meno il bebè