Home Tatuaggi

Tatuaggi giapponesi: scopriamone i significati

CONDIVIDI
Fonte: istock

Tatuaggi giapponesi, scopriamo alcuni tra i più scelti ed i loro significati.

Quanto si parla di tatuaggi non si può non correre con la mente al Giappone, patria antica dei tattoo e casa di alcuni tra i motivi più tatuati ed amati da chi scegliere di imprimere un messaggio visivo sulla propria pelle. La terra del Sol levante è infatti la madre patria di alcuni tra i disegni più scelti ed apprezzati di sempre.
Famosi per la loro bellezza, i tatuaggi giapponesi sono ambiti in tutto il mondo ma ancora non ben visti in madre patria dove, usati molto dalla Yakuza (la mafia giapponese) sono visti come sinonimo di delinquenza tanto che in determinati luoghi come gli onsen (bagni pubblici dove si va per rilassarsi) è molto spesso vietato l’ingresso alle persone tatuate. Certo, oggi le cose stanno lentamente cambiando, ciò non toglie però che, yakuza esclusa, i più grandi fruitori dei disegni giapponesi sono gli abitanti del resto del mondo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> I tatuaggi delle mamme: sempre più di moda

Tatuaggi giapponesi, tra disegni e significati

Ma quali sono i disegni più comuni? Ci sono i noti dragoni, le tigre e le geishe. Ma sono molto in voga anche immagini di fiori di loto, di sakura e della famosa karpa koi. Vediamo quindi alcuni tra i disegni più belli, in modo da trarne spunto e conoscerne a pieno il significato.

VIDEO NEWSLETTER

Draghi e dragoni

tatuaggi giapponesi significati
Fonte: Istock

Per la cultura giapponese, draghi e dragoni sono simbolo di longevità e di saggezza. Tatuarseli equivale quindi ad imprimersi parte della loro “magia”, acquisendo a propria volta parte della loro saggezza. Esattamente come i tatuaggi a tema animale per noi occidentali, in Oriente, questi sono tra i disegni più scelti ed apprezzati.

Carpa koi

Per la cultura giapponese, draghi e dragoni sono simbolo di longevità e di saggezza. Tatuarseli equivale quindi ad imprimersi parte della loro “magia”, acquisendo a propria volta saggezza
Fonte: Istock

Le carpe, oltre ad essere viste come simbolo di eleganza e bellezza, tanto da essere spesso presenti nei giardini giapponesi, indicano anche fortuna. Tatuarsele corrisponde quindi ad una sorta di messaggio positivo.

Fiore di loto

Fonte: Istock

Questo fiore molto apprezzato nella cultura asiatica così come in quella giapponese, è un potente simbolo di rinascita. Tatuarselo  ha un grande valore simbolico ed indica un grande cambiamento o una predisposizione allo spirituale.

Fiore di ciliegio (sakura)

Fonte: Istock

Simbolo di rinascita il fiore di sakura è molto famoso in Giappone in quanto rappresenta sia l’arrivo della primavera che l’essenza stessa della vita, fugace ma, proprio per questo, da apprezzare in ogni sua sfumatura. Tatuarsene uno può indicare sia un elogio alla vita che il ricordo di una persona cara scomparsa troppo presto.

La gru

Fonte: Istock

Per i giapponesi la gru è un simbolo di longevità, tanto che quando una persona è malata si usa creare degli origami a forma di gru pregando per la sua guarigione. Tatuarsela quindi può avere un doppio valore simbolico, quello del desiderio di lunga vita e quello di un’avvenuta o sperata guarigione.

La geisha

tatuaggi giapponesi significato
Fonte: iltatuatore.it

Questo disegno, molto caro ai giapponesi, è sinonimo di eleganza e bellezza. La geisha è infatti la signora delle arti, colei che incarna bellezza, dedizione, cultura e forza di volontà. Tutti simboli che vengono richiamati dal tatuaggio che la rappresenta.

Il samurai

Fonte: iltatuatore.it

Altra figura storica per i giapponesi, è quella del samurai, simbolo di forza e coraggio. Tatuarsene uno rappresenta il voler rappresentarne i principi che sono la lealtà, la giustizia e l’onore.