Home Attualità

Crotone, morti altri due operai in un cantiere: 2018 terribile per le vittime sul lavoro

CONDIVIDI

morti operai Crotone

Ennesima tragedia del lavoro in Italia. Due operai sono morti a Crotone, nei pressi della zona archeologica di Capo Colonna, dove stavano effettuando dei lavori di ristrutturazione. Queste due persone sono morte schiacciate dal crollo del muro di contenimento di un cantiere, venendo sommerse dai detriti. Si tratta di un italiano, originario di Isola Capo Rizzuto, e di un cittadino ucraino, che non ce l’hanno fatta, mentre un terzo uomo è rimasto ferito e verserebbe in gravi condizioni. I tre lavoravano per una ditta che sta effettuando dei lavori di ristrutturazione del lungomare che porta a Capo Colonna.

Al momento dell’incidente, i tre operai erano impegnati nei lavori per l’allungamento della passeggiata. Il cantiere si trova lungo il viale Magna Grecia, il lungomare che porta alla zona archeologica di Capo Colonna. Oltre ai due uomini morti, il terzo uomo coinvolto nell’incidente di Crotone è stato estratto vivo dalle macerie dai vigili del fuoco ed è trasportato in ospedale. Sul posto in questo momento sono presenti varie squadre dei pompieri che stanno mettendo in sicurezza l’area.

Operai morti a Crotone: 2018 nero per i morti sul lavoro

Con i due operai morti a Crotone sale a ben 153 vittime il bilancio italiano delle vittime di incidenti sui luoghi di lavoro. Nella ricerca effettuata dall’Osservatorio Indipendente di Bologna emerge che ad esempio lo scorso anno i morti sul lavoro erano 113 nello stesso periodo. Il bilancio complessivo dello scorso anno è di 632 vittime. Le ultime, in ordine di tempo, sono state le persone coinvolte nell’esplosione verificatasi all’interno dell’azienda di mangimi a Treviglio, nel bergamasco, qualche giorno fa.

VIDEO NEWSLETTER

Eventi che accendono i riflettori su una materia troppo spesso sottovalutata: la sicurezza sul luogo di lavoro. Un argomento da tenere bene in conto e da non sottovalutare mai, sia da parte di chi lavora sia da parte dei datori stessi, che devono fare più attenzione alle misure di sicurezza e a non sottovalutare mai possibili situazioni pericolose, vigilando adeguatamente sull’incolumità dei dipendenti.