Home Attualità

Catanzaro: incendio doloso in un pub, due morti

CONDIVIDI
Catanzaro: incendio doloso in un pub, due morti
(Websource/VdF)

Tragico il bilancio dell’incendio scoppiato in un pub di Catanzaro la scorsa notte. Due sono infatti i morti trovati all’interno della struttura, si sospetta che il rogo sia di origine dolosa e che le due vittime fossero proprio gli attentatori.

L’incendio si è propagato nel corso della notte all’interno del locale ‘Tonninas‘, uno dei ritrovi storici della città calabra, sopratutto in periodo estivo. Il pub, infatti, era molto frequentato e rappresentava uno dei centri della movida di Catanzaro. Ad accorgersi dell’incendio è stata una pattuglia di berretti verdi della Guardia di Finanza che stava perlustrando la zona in una ronda di routine. Immediata la chiamata ai Vigili del Fuoco che sono giunti sul luogo prima con un’unita del distaccamento di Sellia Marina e poi con due camion ed un autobotte dal distaccamento centrale. Ci sono volute ore prima di domare le fiamme, all’interno del locale sono stati trovati i corpi carbonizzati di due vittime.

Gli indizi conducono all’ipotesi di incendio doloso

Catanzaro: incendio doloso in un pub, due morti
(Websource/VdF)

Dopo aver domato l’incendio i vigili del fuoco hanno analizzato l’interno del pub Tonninas alla ricerca di indizi che potessero fornire l’origine delle fiamme. Sebbene al momento non ci sia la conferma ufficiale, si pensa che si sia trattato di un rogo di origine dolosa: all’interno della struttura infatti sono state trovate tracce di benzina ed altri acceleranti. Per quanto riguarda le vittime (la cui identità è ancora ignota) l’ipotesi più probabile è che si tratti degli stessi autori dell’incendio rimasti intrappolati per l’improvviso incremento del fuoco.

Partendo da queste basi la Squadra Mobile di Catanzaro sta indagando sull’accaduto partendo dal riconoscimento delle vittime. L’identità dei due uomini morti dentro il locale potrebbe infatti fornire una base sulla quale continuare le indagini e trovare i mandanti di quella che sembra una ritorsione ai danni di un locale molto in voga nella città.

VIDEO NEWSLETTER