Home Salute e Benessere

Pasqua: origini e storia del coniglio pasquale

CONDIVIDI

Il coniglietto pasquale è uno dei  simboli della Pasqua, amatissimo dai bambini ma anche dagli adulti, la Pasqua non sarebbe la stessa senza di lui. Ecco perchè è stato associato alla Pasqua diventando un must.

Qual è la prima cosa che ti viene in mente quando pensi alla Pasqua? Dal punto di vista della fede cristiana, la prima immagine potrebbe essere la croce di Cristo o la tomba vuota, dal punto di vista commerciale invece, in generale, è più probabile che sia il coniglietto pasquale, tra le uova colorate, a venire in mente.

Il coniglio come simbolo di Pasqua

Durante il periodo di Pasqua veniamo bersagliati da un blitz di immagini dai media e dalle mercanzie esposte sugli scaffali dei negozi che richiamano principalente proprio all’allegro coniglietto.

Ma come ha fatto un coniglio che distribuisce uova a diventare un simbolo così rappresentativo della Pasqua?

Ci sono diverse ragioni per cui il coniglio, o la lepre, viene associato alla Pasqua, tutte legate a celebrazioni o credenze pagane.

La ragione più ovvia è legata alla fertilità della lepre. La Pasqua arriva in primavera e celebra una nuova vita. Il significato cristiano della nuova vita attraverso Cristo e quello commerciale sono diversi, ma si fondono gradualmente. In questo contesto dunque si poteva inserire solo un animale, come la lepre, che produce molti discendenti.

Il coniglio, o meglio la lepre, è anche un antico simbolo per la luna e la data della Pasqua dipende dalla luna. Questo potrebbe aver portato la lepre ad essere associata alle celebrazioni pasquali.

La tana del coniglio è un’altra motivazione che ha portato questo animale ad essere parte delle celebrazioni pasquali: per i credenti, il coniglietto che esce dalla galleria sotterranea, viene visto simbolicamente come Gesù che esce dalla tomba. Questa è la ragione per la quale a questo simbolo preesistente è stato dato anche un significato cristiano.

Il coniglio di Pasqua, dalle origini ad oggi

L’idea del coniglio associata alla Pasqua è nato in Germania, e successivamente è approdata in America grazie agli immigrati tedeschi. In America però  il ruolo del coniglio pasquale ha subito una variazione diventando quello basato sul modello americano a noi tanto comune, ovvero il coniglietto di Pasqua di cioccolata, pastafrolla o caramelle.

La tradizione originaria della Germania, prevedeva che i bambini per Pasqua costruissero dei simpatici nidi per il coniglio, nidi molto fantasiosi, realizzati con materiali di fortuna e di ogni genere, dai cappelli, alle cuffie  o alle scatole di carta al posto dei comuni nidi di oggi. Una volta che i nidi erano pronti, i bambini li mettevano in un luogo appartato per evitare di spaventare il timido coniglio. Il giorno di Pasqua i bambini davano luogo alla caccia alle uova di Pasqua coloratissime che il coniglio pasquale, secondo la tradizione, avrebbe messo nei nidi per divertire i bimbi. 

I nidi accattivanti e pieni di uova colorate non hanno avuto grandi problemi a spopolare e a diffondersi al di là della dogana.

Gli immigrati, di ritorno nel sud della Germania, portarono con sè i primi coniglietti di pasta frolla e caramelle e fu così che divennero popolari all’inizio del diciannovesimo secolo.

Questa usanza ha poi attraversato l’Atlantico, ed è per questo che i bambini oggi mangiano conigli di caramelle e di cioccolato a Pasqua.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE—>DIY: Cestini pasquali decorativi, fai da te