Home Attualità

Addio a Lele Joker, il baby youtuber

CONDIVIDI
addio a lele joker
foto da account ufficiale youtube

Lele Joker, il piccolo youtuber che in poco tempo ha commosso il web, purtroppo non ce l’ha fatta.

Si chiamava Gabriele, era di Milano e sul web era noto come Lele Joker. Nove anni di pura energia e questo nonostante Gabriele convivesse con un male incurabile. Uno youtuber ed un motivatore che con le sue parole semplici dettate dall’ingenuità della sua età, in pochissimo tempo è riuscito ad entrare nel cuore degli italiani, facendosi amare ed insegnando a suo modo l’importanza di credere nei sogni. Un piccolo grande cuore che in molti ricorderanno per sempre per le sue parole e per la voglia di vivere che riusciva a trasmettere nonostante tutto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Fabrizio Frizzi: il ricordo di chi ha vissuto con lui le ultime ore

L’addio di Lele Joker, il bambino che sognava di diventare uno youtuber

addio a lele joker
foto da “la vita in diretta”

Un sogno che, seppur per poco tempo, è riuscito a realizzare arrivando a 115mila iscritti e facendosi conoscere per la sua allegria e gioia di vivere. È così che il piccolo Gabriele sarà ricordato dai suoi tantissimi followers che nel tempo gli si sono affezionati, facendo il tifo per lui e salutandolo infine con grande commozione. Purtroppo, infatti, Gabriele non ce l’ha fatta. Il piccolo era affetto da un neuroblastoma, un tumore pediatrico che attacca il sistema nervoso e che nel caso di Gabriele è stato fatale.
I genitori hanno dato la notizia con un mini video dove appare l’immagine di Gabriele corredata da un messaggio che ha commosso il web.

“Il nostro Gabriele è volato in cielo… Lui direbbe: bella tutti i ragazzi, questo video finisce qui, ci vediamo in un prossimo video.”

Un saluto che sembra arrivare proprio da Gabriele, come se fosse ancora tra noi. Ed è un po’ questo il segnale che in tanti gli stanno ancora inviando, continuando ad iscriversi al suo canale e lasciando svariati commenti, molti dei quali di ringraziamento. Perché vedere un bambino affrontare la vita e la malattia con tanta grinta può dare solo forza e coraggio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Fabrizio Frizzi: quella volta che donò il midollo osseo a Valeria

Ed è così che Gabriele era diventato in poco tempo una sorta di motivatore, in grado di strappare sorrisi commossi a chi aspettava di vederlo ancora in video e a chi ancora oggi lo saluta come se fosse ancora vivo. Perché certi insegnamenti rimangono, superando anche la morte e rendendo eterni coloro che li hanno lasciati.
Ciao e grazie, Gabriele.