Home Attualità

“Fabrizio Frizzi non ha fatto pesare a nessuno il suo dolore”

CONDIVIDI

fabrizio frizzi e massimo giletti-min

Fabrizio Frizzi ha sorriso fino all’ultimo minuto della sua vita non facendo pesare a nessuno il dramma della malattia contro cui stava combattendo: il ricordo di Massimo Giletti.

Un ricordo toccante di Fabrizio Frizzi è quello che regala Massimo Giletti in un’intervista rilasciata ai microfoni de Il corriere della Sera. Amici e colleghi da anni, Massimo Giletti racconta i momenti difficili vissuti da Frizzi nel corso della sua lunga carriera televisiviva, ma anche il coraggio con cui ha affrontato la sua battaglia contro la malattia, senza mai pesare su nessuno.

Massimo Giletti e il ricordo di Fabrizio Frizzi

massimo giletti ricordo fabrizio frizzi

Massimo Giletti non nasconde il suo dolore per la morte di Fabrizio Frizzi. Dopo aver salutato il conduttore presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma dove Fabrizio Frizzi si è spento, Massimo Giletti è andato via tra le lacrime. Un dolore enorme quello del conduttore di Non è l’arena che ha scelto di affidare il suo ricordo al Corriere della Sera. “Quando ho condotto Telethon per la prima volta lui era molto più famoso di me. Arrivò per fare la fotografia di rito con tutti i personaggi della trasmissione, c’erano nani e ballerine, gente che sgomitava per essere in prima fila. Lui si mise in fondo, dietro a tutti. Io andai a prenderlo per dirgli di venire davanti, ma lui non volle. Questa è l’immagine più forte che conservo di Fabrizio Frizzi”, ricoda Giletti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Antonella Clerici piange per Fabrizio Frizzi in diretta tv: video

Lungo la sua carriera, Fabrizio Frizzi ha dovuto affrontare anche alcuni momenti difficili, in particolare quello in cui la Rai affermò di vergognarsi di alcuni suoi programma. A tal proposito, Giletti dice: “Per lui fu il periodo più duro. Ricordo un pomeriggio su una panchina, di fronte al cavallo di Viale Mazzini. La Rai lo aveva messo ai margini e sapeva che il suo futuro era complicato, era molto amareggiato, lui che si sentiva un uomo Rai, lui che aveva rifiutato qualche anno prima i soldi di Berlusconi per non lasciare un’azienda a cui era legatissimo”.

E sulla malattia di Fabrizio Frizzi, Giletti rivela il modo con cui l’amico ha affrontato il tutto ovvero con coraggio e sempre con il sorriso: “Ci sentivamo tutte le settimane, sapeva tutto della malattia, ma ha mantenuto il sorriso nonostante il tempo per lui avesse un valore diverso; è andato avanti a lavorare senza far pesare a nessuno il dolore profondo di sapere che la vita per lui era un arco molto più breve di quello che tutti noi potessimo immaginare. Ma Fabrizio riusciva a parlare d’altro, guardando tutti i colori della vita e non il nero che aveva nel cuore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—>Fabrizio Frizzi morto: lo struggente messaggio di Lamberto Sposini