Home Attualità

L’isola di plastica è sempre più grande: oramai ben 3 volte la Francia

CONDIVIDI

isola di plastica

Un accumolo di immondizia, per lo più di plastica, che, portato dalle correnti, si sta accumulando sempre più nel Pacifico formando l’Isola di Plastica, una massa grande tre volte la Francia.

Un enorme accumulo di spazzatura galleggiante situato nell’Oceano Pacifico. In inglese è stato denominato Pacific Trash Vortex ma per noi è semplicemente l’Isola di Plastica.

La massa viene monitorata da anni ma, nell’ultimo periodo, ne è stata registrata una crescita tanto esponenziale quanto allarmante, sintomo di un Pianeta sempre più intaccato dall’uomo.

L’Isola di plastica cresce sempre più

isola di plastica

Le correnti oceaniche trasportano i rifiuti in un’area in cui la concentrazione supera oramai il chilogrammo al chilometro quadro, una massa 16 volte più alta rispetto a quanto si stimasse fino a ieri.

A verificare la crescita impressionante dell’Isola di plastica sono state le navi e gli aerei della fondazione olandese Ocean Cleanup che, percorrendo la zona in lungo e in largo, hanno contato 80mila tonnellate di frammenti in un’area grande circa tre volte la Francia.

L’isola di plastica appare ancora come una massa non certo compatta ma che, purtroppo, va sempre più addensandosi, in un’area compresa tra California e Hawaii. La concentrazione di spazzatura è passata dai 400 grammi per chilometro quadro degli anni ’70 a 1,23 kg nel 2015, almeno stando a quanto pubblicato su Scientific Reports.

La maggior parte di questi rifiuti è costituito da plastica, reti da pesca per lo più ma anche bottiglie e altro, oggetti di varie dimensioni ma in numero esorbitante se si conta anche i frammenti più piccoli, che ne costituiscono la maggior parte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Inquinamento: le regole per difendere la nostra salute

18 navi della Ocean Cleanup hanno dragato con le loro reti la superficie ma a preoccupare è ciò che si trova sotto il pelo dell’acqua, una forma degradata di plastica che, ingerita dai pesci o dal plankton, entra nella catena alimentare. Le conseguenze di tutto ciò sono ancora da determinare con precisione ma certo non promettono nulla di buono.