Home Attualità

Giornata mondiale della felicità: come essere felici

CONDIVIDI

giornata mondiale felicità

Oggi, 20 Marzo, si celebra la giornata della felicità. Ma di cosa si tratta esattamente?

Il 20 Marzo si festeggia la giornata mondiale della felicità, istituita nel 2012 dall’Assemblea generale dell’ONU. Una celebrazione importante ma che non tutti sanno come prendere. Dopotutto la felicità è qualcosa che non si può vedere o toccare, la si sente nel profondo dell’animo ed ha caratteristiche che variano da persona a persona e, per questo motivo, difficili da decifrare. Sulla felicità, dopotutto, sono state scritte canzoni, libri e versi poetici. Ed è probabile che se provaste a chiedere ai vostri amici ricevereste una descrizione diversa da quella che gli dareste voi. Di cosa si tratta, quindi? Proviamo a scoprirlo insieme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Aforismi sulla felicità. 5 frasi da ripetere ogni giorno per fare il pieno di energia

Felicità, come fare per raggiungerla

giornata mondiale felicitàIn base al rapporto mondiale sulla felicità, pubblicato sempre dall’ONU, è emerso che tra i paesi più felici ci sono quelli del Nord Europa. Stiamo parlando di Finlandia, Svezia, Norvegia, Danimarca ed Islanda. In questa particolare classifica, l’Italia risulta molto in basso, ovvero oltre il quarantesimo posto. È indubbio che a livello comunitario, questo stato d’animo tanto ambito e ricercato appare più forte là dove si è riusciti a trovare un giusto equilibrio tra lavoro e vita privata. Non per niente molti dei libri tanto in voga negli ultimi anni e che insegnano appunto l’arte della felicità hanno origine proprio in questi paesi.
Ma se a livello comunitario non possiamo far molto, come raggiungere almeno la felicità individuale?
Per prima cosa è necessario capire cosa ci rende felici. Per alcuni la felicità arriva dall’appagamento sul lavoro, per altri da una cerchia di amici con i quali condividere i momenti di relax, per altri ancora è nel sorriso dei propri figli o nello sguardo del proprio animale domestico. Ognuno di noi ha un’idea diversa di felicità ed il primo passo da compiere per raggiungerla è indubbiamente quello di essere sinceri con se stessi e di conoscersi veramente a fondo, imparando a ridere di se stessi. Fatto ciò, bisogna imparare l’arte di ritagliarsi degli spazi solo per se. Spazi nei quali fare ciò che piace e che provoca emozioni.
Può trattarsi di leggere un buon libro, uscire per una cenetta romantica, preparare un dolce per le persone che si amano. Ancora una volta, la scelta è personale. Ma spesso basta solo prendere un bel respiro, chiudere gli occhi ed ascoltare il cuore per capire davvero se si è felici.