Home Attualità

Fa il bullo sul bus? Vai a scuola correndo sotto la pioggia

CONDIVIDI
bullo correre a scuola
Foto da facebook.com/bryan.thornhill.3

Fa il bullo sull’autobus e ne viene espulso. Papà per punizione costringe il figlio ad andare a scuola correndo per tutta la settimana, anche sotto la pioggia!

“Mio figlio è stato buttato fuori dal bus perché faceva il bullo. Un comportamento che non tollero e non posso accettare. Perciò adesso dovrà raggiungere la scuola correndo. Ci troviamo a circa un chilometro e mezzo di distanza. Dovrà farlo per tutta la settimana”

Così Bryan Thornhill spiega come mai il suo bambino di 10 anni sta andando a scuola correndo per giunta sotto la pioggia.

Il video del bullo che va a scuola correndo

Papà fa andare il figlio
Foto da facebook.com/bryan.thornhill

Quando Bryan Thornhill ha pubblicato su Facebook il video in cui il figlio di 10 anni va a scuola correndo sotto la pioggia, video che poi ha fatto il giro del mondo, ha ricevuto pareri contrastanti: aspre critiche si sono unite al plauso ma Bryan non si è scomposto e ha risposto a tutti, chiedendo quali altre soluzioni fossero contemplabili.

Come sarebbe opportuno reagire se vostro figlio viene accusato di fare il bullo e per questo espulso dal bus della scuola? In un’epoca in cui purtroppo di bullismo si può anche morire sembra inevitabile prendere provvedimenti. Bryan lo ha fatto, cercando di far comprendere al figlio che certi comportamenti semplicemente non sono accettabili e le conseguenze, dunque, sono pesanti.

Per una settimana il giovane bullo dovrà andare a la scuola a piedi, correndo per circa un chilometro e mezzo, con qualsiasi condizione climatica e a quanto pare il metodo funziona: gli insegnanti, dice Bryan, hanno notato importanti cambiamenti nel comportamento del bambino che prima era decisamente sopra le righe e ora molto più morigerato.

E con il passare dei giorni al punizione si è trasformata in un’opportunità:

“Hayden ora è curioso di vedere esattamente quanto velocemente può correre a scuola la mattinata. Quindi vedremo cosa può fare e i tempi e la distanza. Sa che è motivato a diventare un corridore da medaglia d’oro. Restate sintonizzati tutti. Dio vi benedica e buona notte.”
Senza dubbio il bullo sembra ora solo un ricordo, al suo posto c’è un bambino ben più educato e con nobili obbiettivi. Vi pare poco? E tutto grazie a una corsa mattutina.